Spazi pubblici quotidiani, pubblicato l’articolo

SMP – Società Mutamento Politica, Rivista Italiana di Sociologia, ha da poco pubblicato l’articolo “Spazi Pubblici quotidiani: esperienze di ricerca visuale a confronto, scritto da Fabrizio Bruno, Livia Bruscaglioni, Erika Cellini e dalla nostra Giulia Maraviglia.

L’articolo è apparso nel Vol 7, N° 14 del 2016, interamente dedicato a “Sociologia, immagini e ricerca visuale”:

“Nell’esercizio del loro mestiere, i sociologi fanno tante cose diverse, i cui risultati vengono poi trasmessi a un pubblico attraverso testi scritti, immagini fisse o in movimento, conversazioni o convegni con cui viene fornito il resoconto del proprio tentativo di comprendere, o interpretare, o descrivere, o analizzare una certa porzione di una certa realtà.

Questo lavoro implica l’uso della vista, l’adozione di uno sguardo, il guardare e, in diversi gradi e forme, il vedere oggetti di studio o strumenti che tentino di rappresentarli al contempo producendoli. Non solo, i sociologi molto spesso si interessano alle immagini, o le impiegano, o le producono.

Quella del sociologo è dunque un’attività in cui la dimensione visuale è onnipresente.”

E’ all’interno della rassegna ampia e variegata di riflessioni teoriche e di apporti empirici che sono raccolti in questo volume – interamente scaricabile online – che si inserisce il contributo del Laboratorio LuVi – Luoghi Visivi e Ricerca Sociale, il giovane gruppo di ricerca che unisce l’Università di Firenze e Sociolab e che ha redatto e curato l’articolo Spazi Pubblici Quotidiani, a partire da tre esperienze sul campo estremamente ricche e fortemente interconnesse:

“Fabrizio Bruno, Livia Bruscaglioni, Erika Cellini e Giulia Maraviglia propongono nel loro saggio tre percorsi etnografici visuali, che riguardano le pratiche quotidiane dell’uso dello spazio pubblico. Mettendo a confronto tre ricerche sul campo a Firenze, Prato e Livorno si viene accompagnati nella dimensione concreta della ricerca tramite un visuale che non è solo immagine, ma è fatto di volti, incontri, voci, parole e suoni dello spazio urbano.

L’articolo considera il rapporto complesso tra dimensione locale e nazionale rispetto alle politiche che influenzano la vita nei quartieri, legandolo al vissuto quotidiano degli abitanti e al significato soggettivo che essi attribuiscono allo spazio pubblico. Il taglio metodologico e riflessivo focalizza e mette a confronto diverse strategie d’uso delle immagini e del sonoro.

La vocazione etnografica dei lavori porta gli Autori a sottolineare il rapporto con le persone che vivono i luoghi, a mettere in luce la dimensione relazionale tra la costruzione del percorso visuale e i processi di coinvolgimento delle persone che hanno partecipato a queste ricerche. In tal senso, la fase della restituzione diventa centrale in tutti e tre i setting di ricerca e gli autori propongono anche una riflessione sulle modalità multimediali di questo processo.”

Screen Shot 2016-12-08 at 8.26.04 AM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *