Sociolab firma perché…

… Firenze non diventi un contenitore di multinazionali, come è successo per Ricordi che è diventato un mega negozio Nespresso, un luogo asettico e privo di significato per la città.

… per i miei nipoti vorrei una Firenze in cui prima ancora di consumare e spendere sia possibile socializzare, creare, parlare, leggere, guardare, sfogliare, ascoltare…

… alla Libreria non sono andata quasi mai. Ma firmo per difendere il lavoro dei librai della Edison. E firmo perché quel triangolo di città prima aveva cinema, musica e libri ora abbiamo hamburger (Hard rock), caffè (Nespresso) e rischiamo di avere mele (Apple).

… perché è un modo per difendere un luogo di cultura, perché a volte uno se ne dimentica quando va a comprare un libro che quello dove entra è un luogo di cultura e averne solo uno nel centro della città non sarebbe bello!

… perché quando abitavo a Pistoia venivo a Firenze proprio per leggere un libro sedendomi alla caffetteria con vetrata e vista su Piazza della repubblica e perché adesso che a Firenze ci vivo, di sera d’inverno adoro andare allo spettacolo di prima serata all’Odeon e, quando esco, passare la seconda serata in libreria.

Per saperne di più e firmare http://firmiamo.it/libraiedisonfirenze

e su fb http://www.facebook.com/pages/Librai-Edison-Firenze/210214989054572

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *