QUANDO UN SALOTTO IN STRADA DIVENTA UNA CASA PER TUTTI

Che succederebbe se creassimo un salotto in strada? L’artista Matthew Mazzato lo ha fatto davvero. Ha cominciato ad avere delle conversazioni con gli abitanti di un quartiere di York in Alabama e così facendo, ha fatto emergere il quadro dei loro sogni e desideri per il quartiere. Mentre il salotto temporaneo cresceva spontaneamente con tappetini e luci portati dagli abitanti, le esigenze del quartiere si concretizzavano intorno a un’idea condivisa: uno spazio di ritrovo e arte, dove il quartiere con tutte le sue associazioni e gruppi si potesse incontrare.

Così è nato “Open House”: un teatro ripiegabile che da spazio a un centinaio di spettatori, fatto con l’aiuto di tanti abitanti in un spazio disabitato nel centro storico, dove era situata una casa abbandonata. Gli abitanti hanno utilizzato i materiali recuperati dalla casa che sono diventati le materie prime per realizzare il nuovo teatro. Bell’esempio di ascolto, di inventiva, di collaborazione e di creatività nella rigenerazione urbana.

#aroundtheworldin24posts #reportingfromflorence #listening #collaboration

Stefanie Schuddebeurs*

*Da dicembre 2017 a Marzo 2018, Stefanie Schuddebeurs che viene dall’Olanda lavora con noi a Sociolab. Ha un startup sull’arte dell’ascolto DeLuisteracademie e disegna processi partecipativi e formazione sull’ascolto e dialogo in Olanda. Nei prossimi mesi condividerà qui e sulla nostra pagina facebook la sua selezione di esempi, idee e progetti internazionali nel campo del dialogo, collaborazione e coesione sociale. E ogni tanto, Stefanie racconterà gli aneddoti, incomprensioni culturali involontarie e le sue altre osservazioni sull’ascoltare in Italia. To be continued!

OPEN HOUSE – Matthew Mazzotta 2013 from matthew mazzotta on Vimeo.

Comments are closed.