Racconta il tuo lavoro

Immagine

Puoi rispondere a queste domande nel modo e con le parole che ti rappresentano meglio?

(Come fare: commenta il post con le tue risposte, oppure rispondi via mail scrivendo a sociolab@sociolab.it)

Tempo richiesto: 3 minuti e mezzo.

Che lavoro fai?

Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)

Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?

E quella che ti preoccupa di più?

E quella che ti fa più incazzare?

Come ti immagini tra 20/30 anni?

Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?

Quanti anni ha la tua macchina?

Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?

Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?

Sei donna o uomo?

Quanti anni hai?

Dove vivi?

Con chi vivi?

94 Responses to “Racconta il tuo lavoro”

  1. Giacomo ha detto:

    Che lavoro fai? ne faccio due: il ricercatore precario e il libero professionista

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) l’unione europea tramite l’università (che però negherà) e i vari committenti

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? che mi garba

    E quella che ti preoccupa di più? che in uno non avrò mai un futuro, e nemmeno un passato, visto che pur lavorando da 6 anni nello stesso ufficio, con la stessa gente, ufficialmente non ho mai lavorato per l’università; per l’altro il rischio di essere un libero professionista

    E quella che ti fa più incazzare? che è un mondo a parte, scollegato dalla realtà, in cui è possibile lavorare per 6 anni, facendo un lavoro per cui in Europa vieni pagato in un certo modo, e per il quale le Università europee ti riconoscono prestigio etc, senza che tu figuri in alcun modo come dipendente dell’Università. Un mondo in cui, se scioperi, l’unico che alla fine ne viene danneggiato è lo scioperante, in cui i sindacati non esistono (mai stato avvicinato da un sindacalista in 6 anni)

    Come ti immagini tra 20/30 anni? di venti anni più cresciuto, con un po’ di figli in più

    Quanti anni ha la tua macchina? tre

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? voglio una vita spericolata

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? precario a tempo indeterminato

    Sei donna o uomo? uomo

    Quanti anni hai? trentaquattro

    Dove vivi? a Vienna

    Con chi vivi? con mia moglie e mio figlio, e mia figlia fra un paio di mesi

    • angy ha detto:

      per chi è al momento disoccupata ma sogna da sempre di continuare a fare il proprio bel lavoro di giornalista e ricercatrice sociale anche se precariamente pur di non vivere più in famiglia e avere la libertà di vivere la propria vita? Queste domande escludono diverse categorie di fenomeni che purtroppo la gente, soprattutto se donne, giovani e del Sud, vive sulla propria pelle giorno dopo giorno, fino a diventare tragedie quotidiane che non si risolvono neanche con la ricerca costante di un lavoro, qualunque lavoro, anche non corispondente alle proprie ambizioni e alle proprie competenze teorico-pratiche! E certo a queste condizioni è difficile immaginarsi tra 20-30 anni, perchè il limite temporale accettabile e meno doloroso, forse, è il singolo giorno dal quale si prende quello che può rendere più sereni nonostante tutto, concedendosi l’estensione del proprio orizzonte temporale al momento di una nuova ulteriore tappa formativa!

  2. Che lavoro fai?
    Ricercatrice, imprenditrice, facilitatrice, lavoratrice autonoma. Non sono tanti lavori è sempre lo stesso.
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Io, con i soldi che entrano dai vari lavori
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Poter essere creativa, attiva, propositiva. Non avere orari. Sia nel suo aspetto buono che in quello meno buono.
    E quella che ti preoccupa di più?
    La completa mancanza di tutele previdenziali
    E quella che ti fa più incazzare?
    La completa assenza dei lavoratori autonomi dalle agende politiche di chi governa. La mancanza di rappresentanza.
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Non mi immagino. Non ci penso mai.
    Quanti anni ha la tua macchina?
    Non ho la macchina. Uso quella del fidanzato che ha tre anni o quattro.
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Misery business dei paramore
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Lavoratori del nuovo millennio in cerca di rappresentazioni

    Sei (donna o uomo?)
    donna
    Quanti anni hai?
    40
    Dove vivi?
    firenze
    Con chi vivi?
    Un fidanzato, due figli, un gatto

  3. Sara De Carlo ha detto:

    docente precaria
    ministero della pubblica istruzione
    i miei alunni
    spesso i loro genitori e i miei colleghi
    le sperequazioni su noi precari della scuola che stanno portano avanti
    in mille modi diversi alcuni giorni, altri in nessuno, ma sempre altrove
    non ho auto
    ‘irata’ dei c.s.i.
    sul lavoro, in assenza di esso
    donna
    33
    a napoli
    con un’amica

  4. ecconeun'altra ha detto:

    Che lavoro fai? segreteria amministrativa di ente pubblico

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) l’Ente per il quale lavoro..

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? il part time che mi permette del tempo libero e i buoni orari dell’ufficio

    E quella che ti preoccupa di più? che a Gennaio 2013 sarò di nuovo in cerca perchè il contratto a co.co.co con il quale sono impiegata da 2 anni e mezzo,finirà senza possibilità di rinnovo alcuna.

    E quella che ti fa più incazzare? questa modalità dei contratti a progetto, fatti passare come un’ottima possibilità e che sono invece sfruttamento allo stato puro e senza tutele,senza nessuna sicurezza per li futuro….e che per qualunque altro lavoro sia chiesto un minimo di 5 anni di esperienza nel settore (anche per vendere mutande!!),ma c’è qualcuno disposto a farcela fare questa benedetta esperienza??

    Come ti immagini tra 20/30 anni? ci provo ad immaginarmi, ma non ci riesco..

    Quanti anni ha la tua macchina? 13 anni…..

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    “Utopia” di Alanis Morissette

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? “oh, qualcuno vi considera!!”

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai? quasi ventinove

    Dove vivi? in provincia di Firenze

    Con chi vivi? con mia madre per ovvie ragioni economiche

  5. Ingrid Lamminpaa ha detto:

    Che lavoro fai?
    Insegnante, Designer libera professionista
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Scuole internazionali dove insegno e committenze comunali, clienti privati, con partita iva
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Passare un sapere ai miei studenti, imparare da loro
    E quella che ti preoccupa di più?
    Non essere capace di ascoltare
    E quella che ti fa più incazzare?
    L’iva a cui non riesco proprio a stare dietro 😉
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Ricerca e Insegnamento all’estero
    Quanti anni ha la tua macchina?
    non ne possiedo
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Dans les brumes – Leos Janacek
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Love it or Leave it
    Sei donna o uomo?
    Donna
    Quanti anni hai?
    35 domani
    Dove vivi?
    Firenze
    Con chi vivi?
    Con la mia compagna

  6. Gianna ha detto:

    Che lavoro fai? tecnico cat. C5, presso Museo
    in realtà curatore di collezioni scientifiche e responsabile del percorso espositivo permanente

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Università di Firenze

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? E’ quello che avevo sognato di fare, o almeno era nella lista dei lavori che mi sarebbero piaciuti

    E quella che ti preoccupa di più? dato che siamo pochi, la dispersione, la quasi impossibilità a concentrarsi per concludere dei progetti in tempo breve

    E quella che ti fa più incazzare? che siamo troppo pochi, dovrebbe essere applicato maggiormente il merito, ci sono diverse “spalle tonde”…

    Come ti immagini tra 20/30 anni? presumo lavorerò ancora in un museo

    Quanti anni ha la tua macchina? Quindici anni

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    “Non m’annoio” … non sto scherzando, in realtà non mi viene in mente altra canzone

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? “cerchiamo di capire in che mondo ci ritroviamo”

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? Quarantatré

    Dove vivi? dintorni di Firenze

    Con chi vivi? compagno, figlio e tre gatti

    • donatella picchi ha detto:

      Mostro il Marocco e la sua cultura ai viaggiatori che vi si avvicinano per la prima volta…una specie di “interfaccia culturale” e scoperta di luoghi e persone sconosciuti ai più
      Mi paga la società creata per svolgere questo lavoro secondo le leggi qui vigenti
      Mi piace tantissimo viaggiare e “leggere” sia le persone che viaggiano che quelle che incontriamo…prima ero lettrice e libraio specializzato…..
      Mi preoccupa che anche il viaggio sia diventato come il fast food…da consumare in fretta e spender poco anche se non ha alcun gusto…
      Mi fa incazzare tantissimo chi fa domande e non ascolta la risposta…sono molti ahimè…
      Tra 20 o 30 anni starò in campagna in una casetta minuscola a preparare marmellate e leccornie per chi mi passa a trovare tipo Nonna Papera…..
      ho rinunciato all’auto da molto, se devo muovermi ne noleggio una
      musica africana ovviamente…tipo Salif Keitha…
      lavorare lavorare…molto meglio il rumore del mare…
      Donna
      62 anni
      in Marocco vicino all’oceano
      vivo con un vecchio fedele cane

  7. tt ha detto:

    Che lavoro fai?
    Sono professore universitario

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    L’università di Mainz

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    La possibilità di non smettere mai di imparare.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Non è un lavoro da “timbra cartellino”: è un lavoro che coinvolge anche quando “non lavoro”. Troppo spesso me lo porto a casa e il tempo che resta alla mia vita privata diventa praticamente inesistente

    E quella che ti fa più incazzare?
    La burocrazia

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Non mi immagino
    Non dedico troppo tempo ad immaginarmi il futuro: ho sempre cercato di costruirmelo giorno dopo giorno.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    12

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    My way

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Never give up always pays out

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    39

    Dove vivi?
    in Germania

    Con chi vivi?
    da sola

  8. iriade ha detto:

    Che lavoro fai? Faccio due lavori: la traduttrice freelance, e la giornalista, ho da poco aperto una nuova testata giornalistica specializzata sul mondo dell’editoria.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Nel primo caso i committenti, nel secondo al momento sono io che pago altri per i loro servizi :S

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Sono lavori che amo, sono – specie il lavoro di giornalista – la realizzazione delle vocazioni più profonde che sento fin da giovanissima. Per questo mi rendono molto, molto felice, mi sento molto privilegiata.

    E quella che ti preoccupa di più? Che devi sempre procacciarti clienti e questo è difficile, stressante e sottomesso a fattori che non dipendono tutti da te.

    E quella che ti fa più incazzare? Spesso mi fa incazzare la diffusa invidia tra colleghi, ma anche lo snobismo colmo d’ignoranza e vanità con cui certe persone intendono il loro mestiere.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? M’immagino sempre in giro e in movimento, giornalista lo sarò sempre dentro, anche se dovessi non scrivere.

    Quanti anni ha la tua macchina? Non ho mai avuto una macchina, a dire il vero odio le macchine.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Conosciamoci, che ci serve.

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? Quasi 36

    Dove vivi? A Roma.

    Con chi vivi? Con me stessa.

  9. iriade ha detto:

    Non avevo visto la domanda sulla canzone… Uhm, domanda difficile, ultimamente direi “Continuate così” di Luca Carboni

  10. Emilia ha detto:

    Che lavoro fai?
    Imprenditrice nuova di zecca: avendo recentemente creato e lanciato (in partnership con mio marito) un nuovo e-commerce di prodotti per bambini e pre-maman:

    http://www.family-nation.it

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Possiamo ‘pagarci’ se ci son utili alla fine dell’anno (speriamo!), quindi direi i clienti del sito!

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Mi piace avere a che fare con persone che sono in un momento cosi emozionante della loro vita. Mi piace vedere che i problemi e le emozioni sono simili anche in contesti e nazionalità molto diverse. Mi piace incontrare tanti piccoli produttori di oggetti nuovi, che mettono su il loro ‘business’ per passione, spesso moglie e marito, e tante donne, che creano qualcosa di nuovo, bello e utile.

    E quella che ti preoccupa di più?
    E se non funzionasse????

    E quella che ti fa più incazzare?
    Non riuscire ad avere chiarezza su molti punti legali/fiscali ecc perche esce sempre una nuova norma o le norme sono applicate un po’ ad hoc. L’idea che se una/o lavora in proprio allora ci si aspetta che sia una persona che non se ne importi degli altri, che faccia il furbo, che voglia ‘fregarti’ (e il fatto che in TROPPI si comportino cosi` davvero). Il fatto che in molti casi i prezzi di prodotti (soprattutto farmaceutici o di parafarmacia) venduti anche all’estero sono tenuti molto piu` alti in Italia (delle volte addirittura il prezzo all’ingrosso che ci viene proposto dal distributore italiano = prezzo al dettaglio in UK…) e alla fine ci rimette il consumatore Italiano.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    ‘Dove’ ti immagini e` la domanda giusta… dopo aver passato tanti anni a girare per mari e per monti ora sono a Firenze, ma non so se riesco ad immaginarmi qui per sempre…

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Non mi ricordo (l’abbiamo comprata usata) ma so che ha MOLTISSIMI chilometri

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Helter Skelter

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Racconta il tuo lavoro 🙂

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    Quasi 40

    Dove vivi?
    Florence, Italy

    Con chi vivi?
    Figlia, Figlio, Marito e a due passi dai miei

  11. Amalia ha detto:

    Che lavoro fai? Palinologa (assegnista di ricerca)

    Chi ti paga? Università

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? la ricerca

    E quella che ti preoccupa di più? la precarietà

    E quella che ti fa più incazzare? il mio sedicesimo anno di borsa di studio

    Come ti immagini tra 20/30 anni? non voglio pernsarci

    Quanti anni ha la tua macchina? 13

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    non mi viene in mente niente
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? La precarietà dei quarantenni

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai? quasi 40

    Dove vivi? Perugia

    Con chi vivi? mio marito ed i miei tre figli

    SHARE THIS:

  12. Luciana ha detto:

    Che lavoro fai? babysitter-allenatrice minivolley
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) privato, società pallavolo
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? insegnare e trasmettere valori,regole alle bambine
    E quella che ti preoccupa di più? la difficoltà nel trasmettere valori e regole
    E quella che ti fa più incazzare? che non ho un lavoro
    Come ti immagini tra 20/30 anni? non riesco ad immaginare chi sarò tra 20 anni
    Quanti anni ha la tua macchina? non ho una macchina mia,uso quella dei miei
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Che sarà-Ricchi e Poveri
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?intervista ad una neolaureata
    Sei donna o uomo?donna
    Quanti anni hai?25
    Dove vivi?Marsciano (pg)
    Con chi vivi? con i miei genitori

  13. laura ha detto:

    Che lavoro fai? Traduttrice/adattatrice e molto occasionalmente interprete

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) I miei clienti

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Che faccio un lavoro che mi piace, mi appassiona, mi arricchisce e a quanto pare mi riesce, e che spero di continuare a fare, non per necessità, finché campo

    E quella che ti preoccupa di più? Non è il lavoro che mi preoccupa particolarmente, ma la società in cui lo faccio… le singole preoccupazioni che ho, anche rispetto al lavoro, sono più che altro legate al contesto sociale, non posso e non voglio concepire il mio lavoro e la mia vita come una cosa isolata dal resto

    E quella che ti fa più incazzare? Del lavoro, ma capita raramente, gli addetti interni dei clienti finali che fanno le pulci ai lavori contestando magari un fuorché al posto di un tranne, o chiedendo di introdurre inutili peggioramenti… mi irrita specie quando l’inutilità degli interventi non ha altro effetto che rimarcare la posizione di vantaggio contrattuale dell’interlocutore, senza costrutto reale.. solitamente si tratta di persone gerarchicamente frustrate, arrivisti, casi umani… le critiche costruttive mi interessano sempre… Della società una marea di cose, ma in generale l’assurdo spreco di risorse, che potrebbero consentire a tutti di vivere e lavorare il giusto secondo il proprio talento con dignità e soddisfazione, a vantaggio dei meno e tollerato, o addirittura esaltato, dai più… l’anticultura ha fatto sfracelli…

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Lavorativamente parlando, spero traduttrice letteraria, di narrativa per adulti e bambini… ho anche altri progetti, ma insomma troppa roba… per il resto, spero in buona salute, vicino al mare, inserita una forma di vita comunitaria e possibilmente nonna

    Quanti anni ha la tua macchina? Poco più di 5 anni

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? Troppo da pensare, ma sono piuttosto contenta (se mi rifate l’intervista in un periodo di bassa dirò molto preoccupata, vivo molto il momento)

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Conosciamoci, mi è piaciuto leggere le altre interviste, le persone si “sentono”

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? Quasi 47 😉

    Dove vivi? Hinterland romano

    Con chi vivi? Con mia figlia un compagno, una gatta e altri animali che vanno e vengono

  14. Laura ha detto:

    Che lavoro fai? archeologo

    Chi ti paga? L’Assessorato Beni culturali della Regione Sicilia

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Che l’entusiasmo per la scoperta è una risorsa infinita e immanente

    E quella che ti preoccupa di più? Che la retribuzione non è mai commisurata alla soddisfazione intellettuale e al dispendio di energie

    E quella che ti fa più incazzare? che il paradosso italiano è quella che gli archeologi è una categoria di professionisti per nulla valutata

    Come ti immagini tra 20/30 anni? forse insegnante pensionata con la convinzione che l’amore per l’archeologia morirà con me; magari questa “malattia” l’avrò contagiata a mia figlia!

    Quanti anni ha la tua macchina? da dieci

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? Bella domanda

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? non saprei

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai ? 39

    Dove vivi? catania

    Con chi vivi? con mia figlia

  15. Giulia ha detto:

    Che lavoro fai?
    Il mio lavoro è costituito da attività diverse ma interconnesse – ricerca sociale, facilitazione in processi partecipativi, comunicazione – in ambiti diversi ma interconnessi – urbanistica, politiche pubbliche, servizi. Nel quotidiano si tratta di: informarsi, studiare, progettare, scrivere, analizzare, cercare, telefonare, fare riunioni, organizzare eventi e laboratori di partecipazione.

    Chi ti paga?
    La società per cui lavoro

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Faccio cose che mi piacciono – per le quali ho studiato – e posso portare in ufficio anche i miei interessi personali

    E quella che ti preoccupa di più?
    Lo status di crisi porta a considerare superflui i lavori sociologici come il mio. E questo mi preoccupa sia come lavoratrice del settore che come membro di questa società.

    E quella che ti fa più incazzare?
    Quasi nessuno capisce (e riconosce) il valore economico del mio lavoro.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Non mi immagino però spero di riuscire a vivere nel rispetto dei valori che adesso considero fondamentali – tolleranza, curiosità (che per me è proprio un valore), socialità.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    In questo momento non ho un’automobile mia perché non ne ho bisogno nella mia vita di tutti i giorni (anche se, lo ammetto, quando proprio non ne posso fare a meno la chiedo in prestito al mio fidanzato). In passato ho avuto (e amato) due macchine vecchissime che mi sono state date in eredità!

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Non mi ricordo i titoli delle canzoni 🙁

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Il lavoro è solo lavoro?

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    (per ancora pochi giorni) 28

    Dove vivi?
    Firenze

    Con chi vivi?
    Con il mio fidanzato

  16. Silke ha detto:

    Che lavoro fai? Traduttrice editoriale di testi bio-medici
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Le case editrici
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Mi piace giocare con le parole, ma mi piace anche mettermi nei panni degli studenti che dovranno studiare sui libri che traduco (e quindi cerco di dare il meglio di me)
    E quella che ti preoccupa di più? Con tutte le riforme universitarie che fanno, le case editrici non sanno più che libri tradurre e quindi mi possono capitare lunghi periodi senza lavoro
    E quella che ti fa più incazzare? Non mi viene in mente niente, magari perché non sono una persona che si incavola facilmente
    Come ti immagini tra 20/30 anni? Non mi sono mai posta una domanda del genere (magari a 15 anni… ma nemmeno)
    Quanti anni ha la tua macchina? Circa 12, ma funziona a meraviglia
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? Sono una frana con le canzoni, non ricordo mai i titoli, ma una canzone che mi piace molto perché rende in qualche modo l’atmosfera che mi circonda quando lavoro è di Lorie Anderson: The ugly one with the jewels
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Piccola riflessione sulla tua vita lavorativa
    Sei donna o uomo? Donna
    Quanti anni hai? 47
    Dove vivi? Tra Firenze e Siena
    Con chi vivi? Con il mio compagno, il cane e (momentaneamente) un serpente nascosto da qualche parte

    • Aglaia Viviani ha detto:

      Che lavoro fai?
      docente di scuola superiore

      Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
      Ministero del tesoro

      Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
      Insegnare e imparare dai miei studenti

      E quella che ti preoccupa di più?
      La burocrazia
      E quella che ti fa più incazzare?
      Il fatto che la scuola sia considerata un’azienda
      Come ti immagini tra 20/30 anni?
      meglio di no

      Quanti anni ha la tua macchina?
      cinque
      Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
      La mia ragazza, di Vecchioni
      Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
      Tre minuti (cfr Negramaro)

      Sei donna o uomo?
      donna
      Quanti anni hai?
      44
      Dove vivi?
      provincia di Firenze
      Con chi vivi?
      due figli, due gatti

  17. Nicola ha detto:

    Che lavoro fai?
    Imprenditore, produzioni video
    Chi ti paga? (datore di lavoro? Committenti?)
    Lavoro in proprio, Ditta individuale
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Che ogni tanto faccio belle inquadrature, intervisto persone intelligenti, monto sequenze suggestive, visito posti belli o interessanti. Non capita sempre-sempre ma ogni tanto si.
    E quella che ti preoccupa di più?
    I soldi che spesso non bastano e la pensione, che non avrò mai.
    E quella che ti fa più incazzare?
    Di essere bloccato a metà: non ho margini di guadagno sufficienti per avere dei collaboratori e senza collaboratori non posso andarmi a cercare del lavoro che mi garantisca margini maggiori. Alla fine, anche se ritengo di fare un lavoro di qualità, non riesco a progredire.
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Cerco di non pensarci
    Quanti anni ha la tua macchina?
    Tre anni
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    “Astronomy domine” dei Pink Floyd
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Son contento…ma che fatica
    Sei donna o uomo?
    Uomo
    Quanti anni hai?
    45
    Dove vivi?
    Firenze
    Con chi vivi?
    La mia compagna, sua figlia, nostro figlio. E siamo tutti belli 🙂

  18. mad emoiselle Sarabande ha detto:

    Che lavoro fai? musician

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) i committenti

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? che sarebbe bellissimo poter vivere solo di quello

    E quella che ti preoccupa di più? che non è possibile in italia

    E quella che ti fa più incazzare? il fatto che un musicista raramente trova spazi per fare musica (a pagamento)

    Come ti immagini tra 20/30 anni? più vecchia, più rilassata, più serena

    Quanti anni ha la tua macchina? 7

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? feeling good cantata da Nina Simone

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? intervista ad una nessuna e centomila

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai? più di trenta meno di quaranta

    Dove vivi? in un appartamento

    Con chi vivi? con chi amo

  19. Mig Berry ha detto:

    Lavoro: ecommerce e sviluppo siti web
    Chi paga: la mia azienda
    Felicità: tutti i traguardi raggiunti
    Preocupazioni: venire a meno di un patto anche se dovute a fattori esterni
    Rabbia: l’incompetenza
    20/30 anni: in pensione
    La macchina: 4 anni
    Canzone: io penso positivi perchè son vivo, perchè son vivo
    Titolo: contruibisci anche tu alla condivisione di informazione
    Donna, 46 anni, Firenze, marito, due figli e un gatto.

  20. Carlo ha detto:

    Che lavoro fai? Responsabile qualità per una multinazionale dolciaria.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Il mio datore di lavoro.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Mi piace avere la possibilità di organizzarmi il lavoro in modo autonomo (in quanto capo di me stesso), e di riuscire a scoprire aspetti (tecnici) sempre nuovi.

    E quella che ti preoccupa di più? Non sapere in quale parte di mondo verrò mandato a lavorare tra dieci mesi…. con l’infelice sensazione di essere spostato come una pedina.

    E quella che ti fa più incazzare? Mi sento vincolato a questo contratto perchè in Toscana non riesco a trovare un lavoro.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Più rilassato ma ancora molto curioso.

    Quanti anni ha la tua macchina? 8 anni, comprata usata

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? The working class hero, di John Lennon

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Raccontami in 3 minuti “e mezzo” il tuo lavoro..

    Sei donna o uomo? Uomo

    Quanti anni hai? 33 domani

    Dove vivi? Per adesso a Cork, in Irlanda.

    Con chi vivi? Con la mia compagna

  21. Margherita Mugnai ha detto:

    Che lavoro fai? La facilitatrice: di gruppi, di progetti, di relazioni, di scambi, di soluzioni…

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) i miei datori di lavoro

    Quale è la cosa che ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Che anche quando mi sembra di non avere per niente voglia di farlo, capita qualcosa di nuovo e inatteso che me la fa tornare.

    E quella che ti preoccupa di più? Di non saperlo difendere con sufficiente energia in un momento in cui molti lo ritengono “un lusso superfluo”.

    E quella che ti fa più incazzare? Che tanti amici, molto più bravi di me, non hanno avuto la mia fortuna sfacciata nel riuscire a fare quello che gli piace.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Nei giorni buoni, una vecchia e allegra regina del co-housing, con amici, cani, nipoti e pro-nipoti, progetti, bicchieri di vino e il mio perenne disordine. Nei giorni cattivi, non ve lo dico.

    Quanti anni ha la tua macchina? Non ho un’auto mia, sto sperimentando una versione rivista e adattata del car sharing con mio padre. Alcuni la chiamano scrocco.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    “Swandive” di Ani di Franco.

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Work in progress

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai? 33 per altri 2 mesi esatti.

    Dove vivi? a Firenze, camera con vista sulla Ferrovia e sul Duomo.

    Con chi vivi? Presto con una amica ed il suo pancione.

  22. Ornella ha detto:

    Che lavoro fai?
    attrice, regista, autrice, insegnate di teatro, organizzatrice teatrale

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    enti pubblici e privati, la mia associazione

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    il rapporto umano che si crea nell’espressione e scambio della creatività

    E quella che ti preoccupa di più?
    è moooooooooooooooolto precario

    E quella che ti fa più incazzare?
    c’è una visione poco reale di questo lavoro, si crede sia un hobby, in realtà è un’antica arte artigiana, antichissima in Italia, ma proprio in Italia nè tutelata, nè rispettata, né riconosciuta

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    mi vedo conduttrice di gruppi per persone che cercano ancora di far crescere e uscire la propria creatività, perché che che se ne dica ce n’è un enorme bisogno

    Quanti anni ha la tua macchina?
    7 anni

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    il suonatore jones di F.De Andrè

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Sei il tuo lavoro oppure chi sei?

    Sei donna o uomo?
    donna

    Quanti anni hai?
    45

    Dove vivi?
    Firenze

    Con chi vivi?
    con i miei figli di 13 e 14 anni

    • Ornella ha detto:

      Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
      non cambierei il mio lavoro con nessun altro anche se la tentazione di diventare eremita soprattutto in questo periodo è molto forte

  23. Chiara Campione ha detto:

    Che lavoro fai?

    Responsabile Campagna Foreste

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)

    Greenpeace Italia

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?

    Pensare di far parte di una organizzazione in cui tutti crediamo davvero di poter salvare il pianeta, cambiare le cose, mobilitare le persone, correggere le politiche delle aziende, ispirare l’azione, praticare la non violenza.

    E quella che ti preoccupa di più?

    Di non avere abbastanza tempo per riuscire a far tutto

    E quella che ti fa più incazzare?

    l’ignoranza, l’incoscienza e il cinismo di alcuni dei miei interlocutori

    Come ti immagini tra 20/30 anni?

    Più vecchia, più saggia ma non più disillusa

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?

    Non ho ancora voglia di fare a cambio ma se proprio dovessi forse vorrei fare la piccola imprenditrice. Non so dire se agricola o nella ristorazione.

    Quanti anni ha la tua macchina?

    Non ho la macchina giro a piedi, in bici o con i mezzi pubblici

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Heard Somebody Say di Devendra Banhart alternata con Handlebar dei Flobots

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?

    Io ci sto provando!

    Sei donna o uomo?

    Donna

    Quanti anni hai?

    39

    Dove vivi?

    Roma

    Con chi vivi?

    Con il mio compagno, Manfredi e un gatto anaffettivo, anzi stronzo.

    SHARE THIS:

  24. Federico ha detto:

    Che lavoro fai?
    Ricercatore

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Ho un assegno di ricerca cofinanziato dal MIUR, dal mio dipartimento e da un laboraratorio del PIN di Prato

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    La consapevolezza che, almeno fin’ora, ho trovato il modo di campare più che dignitosamente facendo la cosa che più mi piace

    E quella che ti preoccupa di più?
    ….come dicevo: almeno fin’ora

    E quella che ti fa più incazzare?
    Che ci sono molte cose che potrebbero essere migliorate a costo zero e che rimangono così solo per inerzia

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Calvo

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con un lavoratore dipendente anche se sarei più che disposto a essere soggetto a valutazione e riconferma periodica in base alla qualità del mio lavoro (e non in base alla disponibilità di fondi)

    Quanti anni ha la tua macchina?
    6

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Amandoti (soprattutto per amarti m’affatica…)

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Io speriamo che me la cavo

    Sei donna o uomo?
    Uomo

    Quanti anni hai?
    29

    Dove vivi?
    Pistoia

    Con chi vivi?
    Condivido la casa con due coinquilini

  25. Alberto ha detto:

    Che lavoro fai? Lavoro per un associazione che si occupa di cooperazione e sviluppo locale nel Sud Europa, specie l’area balcanica occidentale. Parallelamente sono praticante in uno studio di euro progettazione, controllo di gestione, audit economico e finanziario.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Bella domanda! Nel primo caso i progetti che portiamo a compimento, nel secondo la Regione ed il datore.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Che non ho capi, e che mi permette di continuare a studiare

    E quella che ti preoccupa di più? Non c’è sicurezza sul futuro

    E quella che ti fa più incazzare? Il fatto che il lavoro non venga calcolato in base alle capacità, o impegno, ma in base a criteri molto più soggettivi.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Come ora, forse con un reddito un pò più alto, m forse.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Non cambierei con nessuno

    Quanti anni ha la tua macchina? 7

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? Evviva l’Italia – Siruan

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Alla scoperta dei naufraghi di un “generazione perduta”

    Sei donna o uomo? uomo

    Quanti anni hai? 30

    Dove vivi? Pistoia

    Con chi vivi? Madre

  26. Catia ha detto:

    Che lavoro fai?
    La promotrice turistica.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Datore di lavoro

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    La parziale autonomia della gestione e dell’organizzazione del mio tempo.

    E quella che ti preoccupa di più?
    La precarietà del contratto.

    E quella che ti fa più incazzare?
    La continua rincorsa del profitto (altrui)

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    In una dimensione lavorativa più soddisfacente e un po’ più serena nonostante tutto

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con nessuno, vorrei riuscire ad inventarmi un diverso lavoro autonomo più affine alla mia personalità.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Quasi 5

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    L’elemento umano – Jovanotti

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Riflessione

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    45

    Dove vivi?
    A Firenze.

    Con chi vivi?
    Con mio marito, mio figlio e il gatto e siamo tutti belli anche noi 😉 – cfr Nicola

  27. Simona ha detto:

    Che lavoro fai?
    impiegata

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    contribuenti

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    sapere che lo faccio con onestà

    E quella che ti preoccupa di più?
    …perderlo

    E quella che ti fa più incazzare?
    essere giudicata senza sapere da interlucutori parecchio ignoranti

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    più vecchia più incazzata ma sempre pronta a cambiare le cose che non vanno

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    credo che oggi il lavoro te lo tieni stretto se è un buon lavoro, il mio non lo vorrei cambiare

    Quanti anni ha la tua macchina?
    12 anni

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    “un matto ” F.De Andrè

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    credere sperare e sopratutto non mollare

    Sei donna o uomo?
    donna

    Quanti anni hai?
    41
    Dove vivi?
    Pistoia

    Con chi vivi?
    con il mio cane

  28. Vanessa Crespina ha detto:

    Che lavoro fai?
    Sono attrice, clown, educatrice

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Le cooperative per cui lavoro, gli enti pubblici

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    l’irregolarità degli orari, l’adrenalina, il sogno e lo studio

    E quella che ti preoccupa di più?
    la precarietà, presente e futura

    E quella che ti fa più incazzare?
    La precarietà, e la considerazione che l’opinione comune ha delle attività che svolgo…pari a quella medievale

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    cerco di non farlo

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con un lavoratore dipendente per provare l’ebrezza di una data precisa di riscossione dello stipendio e fantasticare una pensione, o una disoccupazione o una maternità

    Quanti anni ha la tua macchina?
    5

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Storie di stra-ordinaria incertezza

    Sei donna o uomo?
    donna

    Quanti anni hai?
    38

    Dove vivi?
    Firenze

    Con chi vivi?
    con il mio compagno

  29. miniracconticinici ha detto:

    Che lavoro fai? impiegata

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) pubblica amministrazione

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? l’orario

    E quella che ti preoccupa di più? la bassa retribuzione

    E quella che ti fa più incazzare? la corruzione anche quella piccola che si cela dietro favori fra “amici”

    Come ti immagini tra 20/30 anni? spero in pensione

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? non vorrei proprio lavorare

    Quanti anni ha la tua macchina? 8 mesi

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    The Wall dei Pink Floyd

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Rassegnazione

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    44
    Dove vivi?
    Firenze
    Con chi vivi?
    mia figlia

  30. Sara ha detto:

    Che lavoro fai?
    Bibliotecaria

    Chi ti paga?
    Ente pubblico

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Che è il lavoro della mia vita, che non potrei fare altro e che è proprio come lo immaginavo.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Che non si riesca a comprendere l’importanza delle biblitoeche e il fatto che siano l’unico e vero strumento di crescita per noi e per il paese e democrazia (intesa nel senso più lato che si immagini)

    E quella che ti fa più incazzare?
    Gli sprechi enormi di risorse, tempo, energie. L’incompetenza e l’arroganza dei più, che spesso sono “capi”. La paura di non riuscire a “cambiare le cose”.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Con un paio di bambini, una casa in campagna e tanti viaggi alle spalle (e molti da fare).

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con nessuno onestamente…

    Quanti anni ha la tua macchina?
    11, comprata dai miei usata che me l’hanno passata per darle il colpo di grazia.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Paranoid Android (ma solo perchè la canticchio da una settimana)

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Resistere

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    29 (ammetto, 30 tra un mese)

    Dove vivi?
    Tra Pistoia e il Valdarno

    Con chi vivi?
    Coinquilini in una città e il mio compagno in un’altra.

  31. Valeria ha detto:

    Che lavoro fai? Archeologa e ricercatrice

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Università, enti pubblici

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? La ricerca

    E quella che ti preoccupa di più? Faccio fatica a mantenermi

    E quella che ti fa più incazzare? La mancanza di rispetto di chi ha il potere effettivo e l’ignoranza della gente

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Non riesco ad immaginarmi

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Vorrei solamente fare il cambio di lavoro con qualcuno che riesce a svolgerlo in maniera sicura e tranquilla.

    Quanti anni ha la tua macchina? Non ho una macchina

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Cemento armato (Cile)
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? tre mosse per non diventare archeologi

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? 32

    Dove vivi? A Firenze

    Con chi vivi? Con il mio compagno.

  32. elisa ha detto:

    Che lavoro fai? impiegata

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) datore di lavoro

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? riscuotere uno stipendio

    E quella che ti preoccupa di più? perdere il lavoro

    E quella che ti fa più incazzare? lavorare per il mio boss

    Come ti immagini tra 20/30 anni? vecchia, affranta e rassegnata

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? lavoratore del pubblico impiego. perchè mi ha sempre affascinato molto, in più è un po’ più sicuro…

    Quanti anni ha la tua macchina? 8

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? livin’ on a prayer dei BON JOVI

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? parole…

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai? 32 (purtroppo quasi 33…)

    Dove vivi? nel monte Amiata, prov. di Siena

    con chi vivi? fisicamente con mio marito, spiritualmente da sola…

  33. Valentina Sorbi ha detto:

    Che lavoro fai? Libera professionista multitask: europrogettista, project manager and coordinator in cooperazione internazionale, traduttrice ed interprete, storica, organizzatrice di eventi, etc etc

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    enti pubblici e privati (quando pagano), ong e associazioni, isituto storico della resistenza di Livorno

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    lavorare con persone interessanti, imparare qualcosa da loro e insegnare qualcosa loro; shakerare e raggiungere un risultato insieme! ricevere input interessanti e arricchirsi intellettualmente e cognitivamente

    E quella che ti preoccupa di più?
    rapportarsi con persone stupide e ottuse: fatica…

    E quella che ti fa più incazzare?
    l’approssimazione che viene nascosta dietro la creatività made in Italy: bisognerebbe essere tutti un pochino più tedeschi…

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    una bella 52/62 enne con tanti capelli grigi e un bel sedere ancora ritto, qualche ruga in più e il raggiungimento di un alta consapevolezza/serenità zen che mi faccia vivere meglio

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    in questa vita non cambierei per niente al mondo. Nella prossima vorrei essere o una cantante lirica tipo Callas o una cantante nera jazz tipo Ella

    Quanti anni ha la tua macchina?
    6 anni e mezzo

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    voglio una vita spericolata…

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    questa è difficile. passo (ma chi ve l’ha suggerita? Marzullo?)

    Sei donna o uomo?
    donna

    Quanti anni hai?
    32

    Dove vivi?
    Felicemente al Gabbro – Rosignano M.mo (LI)

    Con chi vivi?
    Con Tommaso, il mio attuale compagno di vita, confidente, amico e mia isola felice

  34. Marco ha detto:

    Che lavoro fai?
    Responsabile di una cooperativa sociale di servizi alla persona (prevalentemente minori e persone con dipendenze patologiche)

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    La cooperativa stessa. I committenti sono prevalentemente il Sistema Sanitario Nazionale, i Comuni, alcune Scuole, qualche progetto regionale finanziato

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    E’ un lavoro di squadra dove il livello delle relazioni è nel complesso molto buono.

    E quella che ti preoccupa di più?
    L’incertezza per il futuro

    E quella che ti fa più incazzare?
    L’arroganza che a volte hanno i committenti,

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Spero un po’ più tranquillo, Mi auguro ancora una qualche forma di pensionamento, vorrei che gli ultimi anni della vita potessero essere contemplativi: ci sono così tante cose belle!

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    A volte penso al casellante autostradale, specie notturno: ho scoperto che guadagnano come me e il livello di interazione è molto limitato. Ma credo che dopo sei mesi mi annoierei. Nel complesso sono abbastanza soddisfatto dove sono

    Quanti anni ha la tua macchina?
    sei

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Owner of a lonely heart (Yes)

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    “Work…in progress”

    Sei donna o uomo?
    Uomo

    Quanti anni hai?
    48

    Dove vivi?
    Liguria di ponente

    Con chi vivi?
    Moglie e una figlia

  35. Pinco ha detto:

    Che lavoro fai? Il promotore editoriale (in soldoni, si fa per dire, si tratta di un agente di commercio per le case editrici) per RCS Libri.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Datore di lavoro.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Vendere una merce “rara e preziosa”, libri

    E quella che ti preoccupa di più? È un mestiere che non ha più alcun futuro.

    E quella che ti fa più incazzare? Che mi piaceva farlo e dovrò smettere.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Più povero.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Insegnante, perché mi piace come mestiere e perché è meno rischioso di altri.

    Quanti anni ha la tua macchina? 5

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? I matti (De Gregori).

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Domani è un altro giorno. Purtroppo.

    Sei donna o uomo? Uomo

    Quanti anni hai? 46

    Dove vivi? Firenze

    Con chi vivi? Moglie, due figli, una gatta.

  36. Caterina Marina ha detto:

    Che lavoro fai?
    metodologa della ricerca sociale/sociologa come libera professionista e come dottoranda di ricerca
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    mi paga il WWF e l’Università
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    che posso continuare a studiare e a imparare cose nuove
    E quella che ti preoccupa di più?
    che tra poco il dottorato finirà e non ci sono concorsi da ricercatore in vista nelle università della mia regione, che non mi posso spostare perchè tra un po’ avrò una bimba, che non so se mi rifaranno il contratto proprio perché sto per andare in maternità
    E quella che ti fa più incazzare?
    che faccio lavori d’equipe ma la maggior parte dei componenti il gruppo non si fa prendere dall’ansia se un progetto non va avanti per colpa sua e se gli altri poiché esso/a fa da tappo non possono andare avanti e se tutti insieme ci si rimette perché poi alla fine non si consegna il progetto e non si viene pagati. Mi fa incazzare che ci sono persone che prendono uno stipendio fisso ogni mese mentre a me mi pagano una volta l’anno e quelle lì si possono permettere di stare a fare i cruciverba mentre io faccio il mio lavoro e il loro. Mi fa incazzare che non siamo tutti uguali anche se abbiamo vinto lo stesso concorso. Mi fa incazzare che ci sia gente a cui si danno tante opportunità, che non sa coglierle e sa solo lamentarsi della propria “sorte sventurata”.
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    non ne ho la più pallida idea
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    non farei a cambio con nessuno perché ho sempre sognato di fare questo lavoro
    Quanti anni ha la tua macchina?
    8 anni
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    downtown di pretula clark, magari non descrive il mio stato d’animo rispetto al lavoro, ma è una canzone che mi piace molto
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Sognare e lottare
    Sei donna o uomo?
    donna
    Quanti anni hai?
    30
    Dove vivi?
    Atri (TE)
    Con chi vivi?
    con mio marito

  37. Matteo Moretti ha detto:

    Che lavoro fai?
    Operatore Cinematografico , ovvero proiezionista al cinema

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    La cooperativa che gestisce il cinema

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    essere indispensabile, sentirmi utile per tante persone, ed essere entrato in contatto con il cinema che è un mondo tutto da esplorare
    E quella che ti preoccupa di più?
    che potrebbe finire da un momento all’altro
    E quella che ti fa più incazzare?
    che non guadagno abbastanza per avere una tranquillità economica
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    è una bella domanda…potrei elencare almeno una decina di scenari possibili..diciamo che la mia vita non sta seguendo proprio una linea retta da cui è facile immaginarsi il futuro
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    mi piacerebbe essere l’imprenditore di me stesso, perchè sono abbastanza refrattario al comando
    Quanti anni ha la tua macchina?
    non ho la macchina.. da questa domanda si deduce che date per scontato che tutti si possano permettere una macchina.
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    “Alla rovescia”- Radici nel cemento- perchè chi lavora campa a stento mentre c’è gente che non fa niente e specula, in particolare sul cinema in cui lavoro
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    l’ultima ruota del cinema
    Sei donna o uomo?
    uomo
    Quanti anni hai?
    trentuno
    Dove vivi?
    in un miniappartamento in affitto
    Con chi vivi?
    da solo

  38. Daniela ha detto:

    Che lavoro fai?
    PR & Marketing Manager

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    L’azienda dove lavoro

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Il lavoro mi permette di emanciparmi: so di potercela fare da sola

    E quella che ti preoccupa di più?
    La fatica a trovare il tempo (anche mentale) per altre cose

    E quella che ti fa più incazzare?
    Vedere che tanto pressappochismo e incompetenza sono ignorate.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    A fare altro, qualcosa di molto diverso, dove poter lavorare con le mani, dove il rapporto con la terra sia basilare.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Ad oggi non vorrei fare cambio, sono una privilegiata, lo so.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Non ho una macchina mia, l’azienda me ne da una.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Vogue di Madonna.

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Il lavoro è meglio quando c’è.

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    35

    Dove vivi?
    Bologna

    Con chi vivi?
    Sola

  39. Caterina ha detto:

    Che lavoro fai?
    Sulla carta Architetto, poi vari ed eventuali

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    L’unico contratto che ho firmato con buste paga e tutti i crismi e’ stato in uno studio di Architetti in Irlanda. Per il resto ho provato di tutto, borse di studio, progetti regionali, committenti occasionali, a ritenuta d’acconto, a nero…

    Quale è la cosa che ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Troppo tormentata ancora per trovare un aspetto di cui possa dirmi felice.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Tra una settimana torno a vivere in Italia. Mi dovro’ inventare qualcosa.

    E quella che ti fa più incazzare?
    Avere un’insoddisfazione latente per non essere riuscita a fare quel che realmente avrei voluto. Almeno per ora…

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    La mia proiezione e’ settimanale. Tra una settimana mi immagino in Italia. Pero’ sembra che tra 20/30 anni avro’ un figlio di 19/29.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con la categoria dei soddisfatti.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Mai comprata una macchina, solo tante biciclette. All’occorrenza condivido con mio fratello una macchina dei nostri genitori (una macchina assurda che i miei devono aver comprato da un cineasta bulgaro)

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Lunaspina di Fossati

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Work sightseeing

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    Il calendario segna 32 ma io arrivo a contare fino a 28

    Dove vivi?
    Da un anno a Cork, tra una settimana a Firenze

    Con chi vivi?
    A Cork col compagno, a Firenze con un’amica. Nel prossimo futuro tutti insieme (spero!)

  40. claudia ha detto:

    Che lavoro fai? Mi occupo di Comunicazione Visiva.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Committenza e Collaborazioni.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Per me non si tratta di LAVORO ma di uno scambio costante e continuo di posizioni, opinioni, saperi, possibilità!! Oggi è Comunicazione domani potrebbe essere tutt’altro, ma con il medesimo contenuto!!

    E quella che ti preoccupa di più? Io mi sento onesta con i miei interlocutori, spererei che anche loro lo fossero con me…

    E quella che ti fa più incazzare? Vedi sopra 😉

    Come ti immagini tra 20/30 anni? A stare bene con quello che avrò/farò!

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Io già penso di essere un po’ di ognuno!

    Quanti anni ha la tua macchina? Il mio MAC (?) 4 anni. Se poi si parla di automobile non ne ho! Solo bici!

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? ‘Optimistic’ Radiohead

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? GENERATION_# (dove il simbolo ‘#’ o ‘hash tag’ o ’number sign’ stà per assenza di categoria… oramai siamo tutto, raccogliamo tra di noi tutte le casistiche possibili e non ci resta che farne un nostro punto di forza con spirito di adattamento, coraggio, propositività e un qb di incoscienza!)

    Sei donna o uomo? donna!

    Quanti anni hai? 39

    Dove vivi? Firenze

    Con chi vivi? Me

  41. Giulia ha detto:

    Che lavoro fai?
    Ne ho due: commessa del negozio del Museo del Prado e borsista nell’Instituto Patrimonio Cultural de España- IPCE. Commessa da un anno e mezzo e questo fine settimana mi finisce il contratto e lascio perché ho trovato di meglio. Saró borsista da lunedí nel dipartimento di Investigación y Formación del IPCE e finalmente lavoreró da lunedí a venerdí.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Il mio lavoro di commessa lo paga l’impresa per la quale lavoro, Museo del Prado Difusión S.A., che riceve fondi dallo stato per essere sostanzialmente un’impresa pubblica (il solo azionista é il Museo del Prado, museo pubblico). La borsa é pagata dal Ministerio de Educación Cultura y Deporte, quindi lo stato, anche in questo caso.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Del lavoro di commessa quello che piú mi piaceva di piú era la compagnia delle colleghe e dei colleghi, un bel gruppo. Del nuovo mi fa felice l’idea che finalmente faró il lavoro per cui ho studiato all’universitá e ho fatto un master.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Ció che piú mi preocccupava del lavoro al Prado erano i forti dolori di testa che avevo a fine giornata per il tanto lavoro e il rapporto con la capo-reparto.. Del nuovo lavoro la mia principale preoccupazione é il classico dubbio di non essere totalmente all’altezza della situazione, dopo anni che ti sei dedicata a tutt’altre attivitá… spero di togliermi presto questa preoccupazione.

    E quella che ti fa più incazzare?
    Del lavoro nel negozio mi ha sempre fatto incazzare che le cose potrebbero funzionare perfettamente essendo un bussiness che funziona e non soffre per la crisi, ma “inspiegabilmente” i capi sono dei bastardi e guardano solo al guadagno, e se le cose vanno male (se un giorno si vende poco) la colpa non é della crisi, del fatto che hanno dei prodotti di merda, o del fatto che la roba é cara, etc ma é delle commesse che non hanno fatto abbastanza bene il proprio lavoro, che tristezza. Del lavoro di borsista per ora non mi fa incazzare niente (sono ancora all’inizio), ma qualcosa mi dice che mi incazzeró anche lí.. spero meno.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Tra 20/30 anni mi vedo con marito, figli e in un’altra casa, ma a livello lavorativo difficile da dire.. forse potrei rispondere alla domanda tra 5 anni, ma tra 20 anni, mah..

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    In questo momento sono abbastanza contenta, soprattutto per il cambio positivo. Certamente mi piacerebbe crescere e magari, tra un pó di tempo, invece di una borsa, mi piacerebbe avere un contratto.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Non ho macchina.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Dotti, medici e sapienti di Edoardo Bennato, un pó retrò ma attuale..

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Precari ma con stile.

    Sei donna o uomo?
    Donna.

    Quanti anni hai?
    30

    Dove vivi?
    Madrid.

    Con chi vivi?
    Fidanzato (quasi marito).

  42. Caterina ha detto:

    Che lavoro fai? Ho un bar/ristorante
    Chi ti paga? Quindi mi pago

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Il contatto diretto con gli altri e la varietà

    E quella che ti preoccupa di più? Non far fronte a gli impegni

    E quella che ti fa più incazzare? Le tasse

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Nonna, spero

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Se penso alle tasse, alle difficoltà economiche e alle ore di lavoro dovrei dire la dipendente di qualche ufficetto pubblico (di quelli che giuro esistono e nessuno conosce) ma forse l’insegnante d’asilo, in mezzo ai cuccioli

    Quanti anni ha la tua macchina? 5 credo

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? “Una Vita viva” Battisti

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? La fortuna di poter raccontare

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? 51 veleggiando verso i 52

    Dove vivi? Pistoia

    Con chi vivi? Con mia figlia e 2 gatti

  43. alice ha detto:

    Che lavoro fai?
    Ricercatrice precaria con borsa post-dottorato
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Una universita’ degli Stati Uniti
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    La gestione del mio tempo in modo autonomo; la varieta’ delle attivita’ svolte (insegnare, scrivere, fare ricerca); la continua possibilita’ di conoscere, studiare, imparare.
    E quella che ti preoccupa di più?
    La difficolta’ di fare progetti a lungo termine; poi un po’ uno ci riesce uguale, ma usando molte molte energie
    E quella che ti fa più incazzare?
    Che forse non riusciro’ mai ad essere una docente nell’universita’ italiana.
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    All’estero, a fare la docente universitaria. Oppure in Italia a fare molti lavori diversi per potere tirare a campare (come facevo prima di emigrare)
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Non vorrei fare cambio di lavoro, mi piace quello che faccio, ma forse vorrei avere un contratto a tempo indeterminato in una universita’ e/o ente di ricerca, per potere smettere di dovere sempre pensare a ‘cosa faro’ dopo’ ancora prima di cominciare un nuovo contratto di lavoro temporaneo.
    Quanti anni ha la tua macchina?
    Non ho una macchina. Ma se l’avessi, sarebbe molto vecchia.
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Me cago en el amor. Tonino Carotone. Soprattutto quando fa “E’ un mondo difficile e vita intensa felicita’ a momenti e futuro incerto”…
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Boh!
    Sei donna o uomo?
    Donna
    Quanti anni hai?
    34
    Dove vivi?
    Negli Stati Uniti
    Con chi vivi?
    Ho preso in afftitto una stanza mia con un bagno mio in una casa grande dove vivo con un tizio divorziato e, a intermittenza, i suoi due figli. Quando torno in Italia, invece, vivo in una casa in condivisione con altri 5 trentenni come me, tra cui il mio compagno.

  44. Enrico ha detto:

    Che lavoro fai? Il ricercatore precario in storia

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Da qualche settimana il Ministerio de Empleo y Seguirdad Social

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? La libertà intellettuale

    E quella che ti preoccupa di più? L’ossessione per il futuro

    E quella che ti fa più incazzare? Non riuscire a farlo in Italia

    Come ti immagini tra 20/30 anni? All’estero o in Italia, naturalmente precario.

    Quanti anni ha la tua macchina? 12

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? “Aida” R. Gaetano

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Hasta cuando?

    Sei donna o uomo? Uomo

    Quanti anni hai? 32

    Dove vivi? Vicino Firenze, in campagna

    Con chi vivi? Con la mia compagna e con altri quattro coinquilini

  45. francesco ha detto:

    Che lavoro fai?
    ricercatore
    Chi ti paga?
    regione
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    passare ore (lavorative e non) a risolvere un problema matematico con i colleghi
    E quella che ti preoccupa di più?
    non riuscire a farmi capire
    E quella che ti fa più incazzare?
    tempi e burocrazie
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    nostalgico
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    autonomo, per organizzare il mio tempo e dedicarmi a più interessi/lavori, ma non posso permettermi di provarci.
    Quanti anni ha la tua macchina?
    non ho macchina, uso quella dei miei, che ha 10 anni.
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    canzone del padre (de andrè)
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    il mio lavoro non è poi così noioso
    Sei donna o uomo?
    uomo
    Quanti anni hai?
    31
    Dove vivi?
    firenze
    Con chi vivi?
    compagna

  46. Gianni ha detto:

    Che lavoro fai?
    Designer e docente universitario

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Clienti e università

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    il fare sempre cose differenti, incontrare un sacco di gente di tutti i tipi ed esstrazioni

    E quella che ti preoccupa di più?
    Non avere abbastanza tempo

    E quella che ti fa più incazzare?
    L’energia sprecata inutilmente a causa della stupidità

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Vorrei dire uguale

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    sto bene così, grazie

    Quanti anni ha la tua macchina?
    11

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Sì viaggiare, evitando le buche più dure…

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Composizione spaziale #6

    Sei donna o uomo?
    Uomo

    Quanti anni hai?
    52

    Dove vivi?
    Firenze

    Con chi vivi?
    Con la famiglia

  47. […] conoscendone per esperienza diretta molte delle problematiche abbiamo deciso di lanciare sul nostro blog una raccolta di brevi testimonianze sul lavoro. In due giorni hanno risposto più di 50 persone. […]

  48. Silvia ha detto:

    Che lavoro fai?
    Ascolto, progetto, medio, facilito, comunico, scrivo.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) I committenti.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? La sensazione di essermelo cucito addosso e le persone con cui lo faccio.

    E quella che ti preoccupa di più? non poterlo più fare e non avere intorno le persone con cui mi piace farlo.

    E quella che ti fa più incazzare? quelli che si stupiscono che qualcuno mi paghi per farlo.Quelli che usano l’espressione “consulenze d’oro” (e io penso a quanto ore al giorno lavoro e quanto prendo al mese…)

    Come ti immagini tra 20/30 anni? giovane dentro.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? con nessuno.

    Quanti anni ha la tua macchina? 13 o 14

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    “Io credo nei miracoli” di Cristina Donà

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? il meglio deve ancora venire

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai? 37

    Dove vivi? Firenze

    Con chi vivi? due figlie e marito.

  49. Valentina ha detto:

    Che lavoro fai?
    Sono una maestra della scuola primaria

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Il Ministero della pubblica istruzione

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    I pensierini affettuosi dei miei bimbi , come il muffin che ieri hanno preparato per me a casa e che ho mangiato stamani a ricrezione, mentre mi guardavano con un sorriso a 102 denti.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Sentirmi inadeguata , perchè il mio lavoro richiede sempre più competenze e io non riesco a stare al passo.

    E quella che ti fa più incazzare?
    La mancanza di rispetto di alcuni genitori e , quindi , dei loro figli. Spesso pensano che le maestre siano al loro servizio, quindi si permettono di trattarti come un idiota perchè, a loro avviso, con i loro figli sbagli tutto.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    In pensione ??? O con il bastone e rincorrere i frugoletti per la scuola.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Non saprei …. in certi momenti vorrei un lavoro che mi permettesse di staccare con la testa almeno quando sono a casa con la mia famiglia. Fatte le mie ore , ” stop” .

    Quanti anni ha la tua macchina?
    4 anni

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    ” Rispetto ” di Zucchero

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Non so …. al momento sono a corto di idee

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    37

    Dove vivi?
    Ad Altopascio ( LU )

    Con chi vivi?
    Con Fabri, Marta e Chiara, i miei amori.

  50. Che lavoro fai? Traduttrice freelance

    Chi ti paga? I committenti.
    Oltretutto sono fortunata e sono sempre molto puntuali

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    La sfida che le parole impongono, quale che sia la tipologia di testo che mi viene richiesto di tradurre. Non da meno, la libertà di poter svolgere il lavoro nei giorni, tempi e luoghi che sono io stessa a definire – connessione a Internet permettendo.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Sapere che svolgo un lavoro dove il contatto con altre persone è minimo, se non virtualmente.

    E quella che ti fa più incazzare?
    Ovviamente quando mi dicono che per tradurre basta un dizionario.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Con la cervicale a pezzi, forse. In realtà non lo so. Faccio la traduttrice da appena due anni ed è un lavoro incredibilmente stimolante, che ti porta ad imparare e a voler imparare un sacco di cose. Non escludo che possa venirmi voglia di integrare questo lavoro con altre competenze o attività, ho già qualche progetto in merito.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Nessuno. A volte penso che lavorare come dipendente possa essere più rilassante, ma soffrirei molto per gli orari imposti.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    L’ho venduta qualche anno fa. Viaggio spesso, perciò la utilizzavo poco e la pagavo molto.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Non sono un tipo molto musicale. Se fosse un libro sarebbe “Il gabbiano Jonathan Livingston”, sempre per il concetto di sfida.

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Se il titolo non c’è, una ragione ci sarà!

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    30

    Dove vivi?
    Tra Torino e Potenza

    Con chi vivi?
    Mia madre, quattro gatti e un cane (visto che nel mio caso i quadrupedi sono più numerosi dei bipedi, mi sembrava doveroso citarli)

    • duccio ha detto:

      Che lavoro fai?
      Fotografie e video

      Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
      Committenti

      Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
      Riesco a camparci

      E quella che ti preoccupa di più?
      Potrei non camparci

      E quella che ti fa più incazzare?
      La gestione separata inps

      Come ti immagini tra 20/30 anni?
      Dentro una macchina del tempo

      Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
      Con Tinto Brass…

      Quanti anni ha la tua macchina?
      Non mi ricordo, poco più di 10

      Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
      Genova per noi

      Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
      Il Lavoro è davvero un diritto?

      Sei donna o uomo?
      Uomo

      Quanti anni hai?
      31
      Dove vivi?
      Piemonte / Toscana

      Con chi vivi?
      Altri coinquilini / famiglia

      • Jobogan ha detto:

        Che lavoro fai?
        Imprenditore, commercio, 7 dipendenti (erano 15 nel 2007)
        Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
        Mi pago da me come, quando e se “esce” lo stipendio.
        Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
        Bel gruppo, siamo bravi, professionali e molto affiatati.
        E quella che ti preoccupa di più?
        La spada di damocle di equitalia e la mannaia delle banche, pronte dare il colpo finale in ogni momento.
        E quella che ti fa più incazzare?
        L’arroganza delle banche e dei banchieri che danno (loro) lezioni di economia aziendale col sedere sulla poltrona, la cravatta ed il portafoglio pieno.
        Si dimenticano il loro ruolo nella crisi ed i loro bilanci contraffatti e disastrosi, si sentono al sicuro perchè hanno avuto (per ora) sempre il culo parato dai politici.
        Si atteggiano da professori e si arricchiscono su commissioni bancarie estorte col ricatto e tassi di interesse da strozzini, nell’indifferenza della politica…
        Come ti immagini tra 20/30 anni?
        Su un’isola deserta a predicare onestà, correttezza e giustizia (da solo)
        Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
        Dipendente pubblico, 3 fogli al giorno sulla scrivania, fare festa alla 17:00 e passare il sabato e la domenica senza pensieri.
        Quanti anni ha la tua macchina?
        L’auto è un mezzo non un fine, mi ricordo quanti anni ha solo perchè devo fargi ogni tanto la revisione, e ne ho fatte parecchie.
        Giro in vespa, sono i momenti in cui mi sento libero.
        Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
        E’ perfetta la poesia di Ungaretti (Soldati)
        “Si sta come d’autunno,
        Sugli alberi le foglie.”
        Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
        Il lavoro di un uomo è la sua dignità
        Sei donna o uomo?
        Uomo
        Quanti anni hai?
        46
        Dove vivi?
        Firenze
        Con chi vivi?
        Con i miei 2 figli (per ora), con mia moglie è finita, non sopportava più ne me nè i miei orari, nè il mio lavoro.

  51. martina danelutti ha detto:

    Che lavoro fai? impiegata 40 ore settimanali tempo indeterminato, faccio la contabilità e segreteria per un’associazione.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) datore di lavoro

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? la finalità sociale dell’associazione presso la quale lavoro

    E quella che ti preoccupa di più? il fatto che pur essendo a tempo indeterminato, la mia non è una vera e propria ditta magari anche di grosse dimensioni, ma una piccola associazione, la quale non garantisce una sicurezza al 100% riguardo la durata dell’impiego.

    E quella che ti fa più incazzare? a volte il rapporto con le persone è molto difficile, ci sono momenti in cui preferirei fare lavori manuali.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? col mutuo finito (o quasi) di pagare (speriamo!), mio figlio che va a vivere da solo, e ancora a lavoro, purtroppo.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?ho già avuto modo di essere una lavoratrice autonoma ma preferisco il lavoro da dipendente che ho adesso.

    Quanti anni ha la tua macchina? circa 6

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? boh è difficile!! qualcosa di “storia di un impiegato” di De Andrè (che dite?? troppo???) è l’unico che mi viene in mente

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? raccontami che fai

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai? quasi 29

    Dove vivi? Pistoia

    Con chi vivi? con il mio compagno, con mio figlio di 5 mesi e la gatta.

  52. Luigino Casalboni ha detto:

    Che lavoro fai?
    Magazziniere per una cooperativa di grandi magazzini.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Il datore di lavoro, puntuale.

    Quale è la cosa che ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    La paga a fine mese. E un apprezzamento ogni tanto del capo, con una stretta di mano.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Il logorio e la fatica.

    E quella che ti fa più incazzare?
    La pretesa continua di migliorare la produttività, senza contropartita.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    In pensione da un pezzo, a godermi la salute che mi rimarrà.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con chi ha avuto la fortuna di continuare a fare il mestiere che ho imparato, quello di progettare case.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Otto, portati benissimo.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Celentano. Chi non lavora non fa l’amore. Ma ha messo un “non” di troppo!

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Ce l’ha già: Racconta il tuo lavoro.

    Sei donna o uomo?
    Uomo.

    Quanti anni hai?
    54

    Dove vivi?
    Svizzera.

    Con chi vivi?
    Con mia moglie.

  53. sara seravalle ha detto:

    Che lavoro fai? facilitatrice visuale (e non solo)

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) aziende, professinisti, enti pubblici, associazioni

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? permette di far lavorare i gruppi in modo armonioso, fissando concetti chiari a tutti e procedendo quindi con maggiore condivisione dei risultati

    E quella che ti preoccupa di più? è difficile far capire alle aziende italiane in crisi il potere della facilitazione e il valore della visualizzazione

    E quella che ti fa più incazzare? che la gente paga pochissimo e in ritardo

    Come ti immagini tra 20/30 anni? in giro per il mondo a facilitare processi sempre più interessanti

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? a volte vorrei un lavoro dipendente per avere lo stipendio fisso a fine mese

    Quanti anni ha la tua macchina? 5

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? numb dei linkin park

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? beh ce l’ha!

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai? 40

    Dove vivi? milano ma spero di trasferirmi a roma (lavoro permettendo eheh)

    Con chi vivi? marito e due figli

  54. Arnolfo ha detto:

    Che lavoro fai?
    Educatore musicale e formatore

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Genitori di bambini, Asili nido, Comuni, Associazioni, Cooperative, Enti formativi

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Mi rende felice vedere i bambini crescere e diventare competenti. Allo stesso modo mi rende felice vedere gli adulti diventare consapevoli dell’importanza del linguaggio musicale per i bimbi e per loro stessi.

    E quella che ti preoccupa di più?
    L’ignoranza, l’appiattimento culturale. La malattia molto diffusa del banalizzare tutto e del credersi informati e competenti grazie alle informazioni di poca qualita’ messe in giro su qualsiasi argomento. La tracotanza

    E quella che ti fa più incazzare?
    Le stesse che mi preoccupano. Oltre al fatto che mi fa incazzare vedere che spesso, sia nel pubblico sia nel privato, ruoli decisionali importanti sono occupati da persone che hanno una conoscenza limitatissima del campo in cui operano.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Se ci arrivo, spero di stare ancora in mezzo ai bimbi, perche’ il lavoro e’ ricerca e non si puo’ abbandonare il campo. Vorrei, pero’, dedicarmi soprattutto alla formazione e alla ricerca.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con nessuno. Mi piace essere autonomo.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    6 anni…l’ho comprata usata da 2 anni e mezzo circa

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Mattina Qualunque (dei Maldita Sociedad). Se troppo sconosciuta, direi Uno su mille ce la fa!

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Raccontami che fai..

    Sei donna o uomo?
    uomo

    Quanti anni hai?
    34

    Dove vivi?
    frazione di Montespertoli

    Con chi vivi?
    compagna

  55. Barbara ha detto:

    Che lavoro fai?
    architetto
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    clienti
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    il benessere provato dallo spazio progettato da te
    E quella che ti preoccupa di più?
    la costante ricerca del cliente e quindi l’incertezza nel futuro
    E quella che ti fa più incazzare?
    la burocrazia e adesso i politici attaccati alla poltrona
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    più “grande”
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    nessuno, ognuno ha i suoi pro e i suoi contro, farei a cambio con un mio collega in altro luogo, forse per me è un po’ tardi
    Quanti anni ha la tua macchina?
    7
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    we are the champions
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    ogni giorno è un piccolo miracolo e di questo bisogna essere felici
    Sei donna o uomo?
    donna
    Quanti anni hai?
    42
    Dove vivi?
    Firenze
    Con chi vivi?
    compagno, figlia e cane

  56. Laura Manneschi ha detto:

    Due lavori (entrambi saltuari) Realizzo torte per occasioni speciali e curo la grafica di un’associazione culturale e per conto dell’università.
    Mi pagano i committenti (per la grafica asociazione ed unversità).
    Quando i miei clienti si dichiarano soddisfatti del mio lavoro e mi fanno apprezzamenti vari, e nel caso delle torte mi mandano foto di bambini stupiti e sorridenti.
    Il fatto di non riuscire a “regolarizzare” il mio lavoro, per problemi burocratici e di investimenti che non ho.
    La stessa cosa che mi preoccupa è anche quella che mi fa incazzare.
    Esattamente come adesso. Magari con la stanza dei figli affittata.
    Con una donna coraggiosa.
    Nove anni, sto difendendola da chi in famiglia la vuole morta.
    I wish you were here, dei pink floyd, perchè con una socia sarebbe tutto diverso.
    Raccontaci la tua pre occupazione.
    Donna.
    46 anni.
    Italia.
    Con marito due figli e gatta .

    • Valerio ha detto:

      In realtà sono uno studente della facoltà di Architettura, cmq collaboro con associazioni e cooperative di promozione sociale,
      Mi paga (quando possibile) l’associazione
      Lavorare nel sociale
      Rende poco dal punto di vista delle soddisfazioni economiche rispetto al peso del lavoro
      Assenza quasi totale dello stato su fondamentali aspetti della società
      non mi immagino
      con un proprietario di una azienda ereditata dalla famiglia (ovviamente in bilancio positivo…di questi tempi…) perché è figo avere qualcosa di famiglia da portare avanti…
      non ho una macchina mia
      “svalutation” cantata da Adriano Celentano
      il titolo potrebbe essere “Analizza lo stato d’animo delle persone”
      uomo
      25
      Firenze
      Casa con altri studenti/lavoratori precari 🙂

  57. Alessandra ha detto:

    Che lavoro fai? Mi occupo di programmare e realizzare laboratori partecipativi di Media Education e cittadinanza, e non solo…

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) datore di lavoro

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? che i miei colleghi sono coetanei pieni di energia positiva, che mi diverto lavorando, che trovo un senso in quello che faccio

    E quella che ti preoccupa di più? che le condizioni esterne non favoriscono sempre lo sviluppo di realtà come queste

    E quella che ti fa più incazzare? che mi imbatto spesso in istituzioni lente con persone che non hanno voglia di far bene il loro lavoro

    Come ti immagini tra 20/30 anni? felice, con una famiglia numerosa e con tante storie da raccontare

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? con nessuno, vorrei solo la possibilità di accedere al credito anche con il mio contratto atipico (che per fortuna prevede già molte garanzie)

    Quanti anni ha la tua macchina? 10

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? With my own two hands – Ben Harper

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Isole di fortuna in un mare d’incertezza

    Sei donna o uomo? donna

    Quanti anni hai? 29

    Dove vivi? In campagna, nella provincia di Firenze

    Con chi vivi? con fidanzato e gatta

  58. delio ha detto:

    non ho un lavoro (e si’ l’ho cercato. anche come portiere dalbergo di notte o al Mc Donald, ma niente)

    sto svendendo beni di famiglia per sopravvivere.

    “felice” non e’ esattamente la parola giusta.

    che non vedo soluzioni legali per resistere in questo sistema dignitosamente

    con chi non ha problemi di lavoraro. politici, banchieri, gente cosi’.

    in un paese molto lontano, con una piccola attivita’

    10, ferma da 3. lo so devo venderla..

    http://www.youtube.com/watch?v=4lKwXwU5iWs working class hero

    “devo proprio?”

    uomo

    33

    Firenze

    da domani con un tizio a cui affitto l’ex salotto, almeno smezzo le bollette

    • delio ha detto:

      la cosa che mi fa incazzare e’ che non abbiamo capito niente del lavoro. lavorare per impossessarsi un po’ di questa moneta, scavando buche e ricoprendole come raccomandano gli econmisti e’ un’offesa all’evoluzione dell’uomo. ma incazzarsi serve a poco

  59. Vale ha detto:

    Che lavoro fai?
    Consulente per un ente pubblico

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    datore di lavoro tramite un suo ente strumentale

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Che lo faccio bene, la stima e l’affetto dei colleghi

    E quella che ti preoccupa di più?
    La precarietà

    E quella che ti fa più incazzare?
    che mi hanno obbligata ad aprire partita iva per poter continuare a lavorare dopo anni di contratti a termine e che devo sempre e comunque ringraziare perchè ho un lavoro

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    non riesco a immaginarmi

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    lavoratore dipendente, per avere un minimo di progettualità che vada oltre i 12 mesi, e perchè la salute nella vita non sempre è dalla tua parte.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    7

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    I will survive

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Io speriamo che me la cavo

    Sei donna o uomo?
    donna

    Quanti anni hai?
    34

    Dove vivi?
    genova

    Con chi vivi?
    Papà e fratello

  60. Olivia ha detto:

    Che lavoro fai?
    Lavoro in un progetto di una ONG italiana in servizio civile in Argentina.
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Lo Stato Italiano.
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Lavorare con i bambini e con gli adulti, facendo un lavoro molto vario.
    E quella che ti preoccupa di più?
    Lavorare in un ambiente religioso.
    E quella che ti fa più incazzare?
    Sentirmi talvolta un po’ esclusa proprio per non essere credente.
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Spero di essermi fermata con un buon lavoro e forse una famiglia?
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    forse con un lavoratore dipendente per quella strana ragione che si chiama tranquillità.
    Quanti anni ha la tua macchina?
    la macchina della mia mamma è del 97, quindi 15 anni.
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Ma il cielo è sempre più blu, Rino Gaetano.
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    “tra 20/30 anni…prima o poi si fermerà”
    Sei donna o uomo?
    donna
    Quanti anni hai?
    28.
    Dove vivi?
    Ora a Buenos Aires fino a gennaio, poi Firenze (alcuni mesi) poi chissà!
    Con chi vivi?
    Ora con i miei compagni di servizio civile in un conventillo (casina di legno e lamiera) nel quartiere de La Boca. (BsAs)

  61. Rita Tonus ha detto:

    Che lavoro fai?
    Imprenditrice, curo l’amministrazione e la rendicontazione dei progetti a finanziamento europeo

    Chi ti paga?
    Committenti

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    L’autonomia, la libertà negli orari, la responsabilità

    E quella che ti preoccupa di più?
    Non ci si può mai fermare

    E quella che ti fa più incazzare?
    A volte può capitare che, a facilitare il lavoro, proprio e degli altri, non si venga rispettati per il ruolo che si svolge (frase classica “cosa ci vuole a fare….?”)

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Ancora più consapevole, libera, leggera! Forse anche con un lavoro diverso, tipo counselling psicologico…

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Non cambierei, il lavoro me lo costruisco addosso ogni giorno

    Quanti anni ha la tua macchina?
    5. comprata usata e va a metano

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Penso positivo

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Trovo già corretto “Racconta il tuo lavoro”

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    46

    Dove vivi?
    Modena

    Con chi vivi?
    Con mio figlio di 9 anni

  62. lorenza ha detto:

    Che lavoro fai? Odio rispondere a questa domanda perché non so mai cosa dire. Sono una facilitatrice, lavoro per una società che si occupa di coinvolgere cittadini nelle politiche pubbliche. Più o meno…

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Mi paga la società per cui lavoro ma quando i nostri committenti (enti locali per la maggiorparte) non pagano o ritardano nei pagamenti, non mi paga nessuno.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Le persone con cui lavoro, il fatto che posso essere me stessa e che posso cercare di fare le cose che mi piacciono di più.

    E quella che ti preoccupa di più? Non sapere cosa sarà di noi.

    E quella che ti fa più incazzare? L’uso improprio del concetto di flessibilità, concetto importante e che condivido ma che è usato per continuare a non avere una politica del lavoro equa e sostenibile.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Mi immagino in campagna, forse a gestire un agriturismo.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? A volte penso che mi piacerebbe essere un dipendente comunale… ma alla fine non farei a cambio perché questa flessibilità alla fine ci piace!

    Quanti anni ha la tua macchina? Una decina, è di mia madre che me l’ha “regalata” usata…

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Que sera, sera (Whatever Will Be, Will Be)

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Memorie della generazione “F” (F sta per flessibile)

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? 33

    Dove vivi? A Firenze

    Con chi vivi? Con la mia compagna

  63. Luigi Recupero ha detto:

    Che lavoro fai?
    Consulente informatico nella definizione di processi di diagnostica clinica. Laboratorio analisi e anatomia patologica.
    Nel recente passato ho fatto la stessa cosa però riguardo a procedimentalizzazioni economico amministrative in sanità ed enti locali

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Oggi sono dipendente a tempo determinato di una filiale di una piccola multinazionale italiana nel software per la sanità.
    Nel passato fino ad un anno fa, sono stato autonomo/socio di piccola azienda.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    L’idea di poter migliorare la qualità e l’efficienza dei processi di cura.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Lo stress da sindrome di burn-out

    E quella che ti fa più incazzare?
    L’inefficienza organizzativa degli enti per cui lavoro.
    La crociata contro le consulenze. Le mie consulenze, a parità di risultato costano il 10% di un dipendente. Ciò, nonostante il caos organizzativo e l’inefficienza informatica della maggior parte degli enti per cui lavoro.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    La mia opinione, per parafrasare, è che nel medio periodo saremo tutti morti.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Cambierei con un dirigente pubblico. Per la sicurezza, lo stipendio (cmq. mediamente mediocre), ma soprattutto per poter incidere sull’efficienza dell’ente. Naturalmente la possibilità non si dà.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Una Mercedes coupé del 1993. Macchina da commerciante marocchino.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    L’avvelenata
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Da sociologo diffido delle interviste qualitiative, soprattutto di questa così informale.

    Sei donna o uomo?
    Chi può dirlo?
    Quanti anni hai?
    41
    Dove vivi?
    Nel cuore del quartiere di S. Cristoforo a Catania.
    Con chi vivi?
    Con mio figlio due giorni la settimana.

  64. Roberta Rostagno ha detto:

    Che lavoro fai?
    impiegata precaria (assegno di ricerca) all’Universita’

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Datore di lavoro su fondi di ricerca privati

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Mi piace scrivere e gestire progetti di ricerca, il rapporto con colleghi e studenti

    E quella che ti preoccupa di più?
    non sapere mai fino all’ultimo se mi verra’ rinnovato il contratto

    E quella che ti fa più incazzare?
    l’idea di rapporto datore di lavoro/dipendente come padrone/schiavo che ha il mio capo

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    spero all’universita’ con contratto a tempo indeterminato, magari nell’area ricerca. Oppure proprietaria di un negozio monomarca LEGO (se mai avro’ il coraggio)

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché
    con chi fa quello che voleva fare, perche’ fa quello che voleva fare

    Quanti anni ha la tua macchina?
    pochi mesi

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    esiste una canzone che parla di stanchezza cronica?

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    giriamo il coltello nella piaga

    Sei donna o uomo?
    donna

    Quanti anni hai?
    39

    Dove vivi?
    Milano

    Con chi vivi?
    Marito e due figli

  65. Mattia Sullini ha detto:

    Che lavoro fai?
    Sono un illustratore architettonico ed ho fondato e gestisco un coworking a Firenze. Ma se devo pensare come mi vedo e cosa mi piace, penso al coworking
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Come illustratore i committenti…quando va bene. Per il coworking, i coworkers…quasi sempre
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Il fatto che ho la possibilità di giocare ad un gioco con regole diverse, chiare, etiche, quelle che fino a poco tempo fa non c’erano. Purtroppo c’è sempre chi bara, ad ogni gioco.
    E quella che ti preoccupa di più?
    Che la diffidenza, l’egoismo, la furbizia in un contesto come un coworking sono devastanti. E di questi tempi, anche per solo istinto di sopravvivenza, sono problemi in cui molti cadono
    E quella che ti fa più incazzare?
    Mi fa incazzare come una bestia la fatica che devo fare per giocare onestamente in una partita a volte truccata, e come sorprendentemente sia difficile trovare una solidarietà ed una comprensione per quello che faccio che sia più che superficiale
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    In una casetta con la mia compagna ed i miei bambini, una casetta in cohousing assieme ai miei amici, con un bel laboratorio per costruire e riparare le cose, un bell’orto, ed una grande cucina per stare assieme. Mi immagino andare al lavoro con calma, magari in bicicletta, ed al lavoro continuare a fare quello che mi piace insieme ad altre persone nello stesso stato d’animo
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Sinceramente sono contento del mio status di freelance/imprenditore. Vorrei solo riuscire a farlo senza che questo vada a scapito del resto della vita. Per tempo e per soldi
    Quanti anni ha la tua macchina?
    Ne aveva 15. Si è fusa 1 mese fa ed ora giro con quella della mia compagna, che è diventata l’auto di famiglia.
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Non so se sia pure il titolo, ma la frase sicuramente è “ma il cielo è blu, sopra le nuuuu-vo-leeeee!”
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    La dura vita di chi cerca di vivere non solo per sè
    Sei donna o uomo?
    Uomo
    Quanti anni hai?
    35
    Dove vivi?
    A Firenze
    Con chi vivi?
    Con la mia compagna

  66. mari ha detto:

    Che lavoro fai?
    Direi che faccio la ricercatrice sociale e la facilitatrice in percorsi di partecipazione
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    La società per cui lavoro
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Le mie colleghe, il piacere e il dovere di imparare quasi ogni giorno cose nuove, applicare nel concreto quello che ho studiato
    E quella che ti preoccupa di più?
    Che la mia precarietà condizioni il futuro di mia figlia
    E quella che ti fa più incazzare?
    Quando la mia realtà lavorativa risulta invisibile per le istituzioni competenti che parlano di flessibilità con scarsa cognizione di causa
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Non riesco a immaginarmi
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con chi fa le cose che facciamo noi ma con più stabilità, se esiste
    Quanti anni ha la tua macchina?
    Credo tre e qualche cosa
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Tante, in questo preciso istante direi The Clash, Career opportunities
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Un faza una raza…
    Sei donna o uomo?
    Donna
    Quanti anni hai?
    37
    Dove vivi?
    A Firenze
    Con chi vivi?
    Con il mio compagno, nostra figlia e il nostro cane

  67. Mila ha detto:

    Che lavoro fai?
    Formatrice/Consulente/ Progettista … non so dare una definizione del mio lavoro … artigiana della complessità? Cmq sono socia di una società che si occupa di processi partecipati!

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Committente al 90%: l’ente pubblico

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Occuparmi di beni comuni … di welfare … di coesione sociale … di convivenza fra le persone …

    E quella che ti preoccupa di più?
    La ricerca del lavoro … è la parte più faticosa ( e in questa epoca storica quella più preoccupante)

    E quella che ti fa più incazzare?
    Sentir dire “non ci sono soldi” per la prevenzione, per la promozione sociale, per il welfare, per la coesione sociale .. quando in realtà i soldi ci sono (non sono io a dirlo basta leggere l’ultimo libro di Rampini, ma ancora prima Tito Boeri, l’economista Dirindin, etc ) vengono spesi male … in realtà quello che manca è la volontà politica e una certa vision di futuro …

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Il problema è proprio questo: non riesco ad immaginarmi!

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?

    Vorrei continuare il mio mestiere/lavoro ma avere qualche garanzia in più !

    Quanti anni ha la tua macchina?
    3

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Al momento nessuna
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    La solitudine di una “artigiana/imprenditrice sociale”

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    40

    Dove vivi?
    In due città diverse dell’Emilia Romagna

    Con chi vivi?
    Sola

  68. alberto ha detto:

    Che lavoro fai?
    in questo periodo della mia vita faccio lo scrittore e il libraio

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    nessuno

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    che ho a che fare con i libri

    E quella che ti preoccupa di più?
    che non si guadagna una lira, anzi…

    E quella che ti fa più incazzare?
    non c’è una cosa in particolare

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    morto

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    con nessuno, sto bene così

    Quanti anni ha la tua macchina?
    una sedici e l’altra sei

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    salto…
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    cerca di fare sempre quello che ti piace

    Sei donna o uomo?
    uomo

    Quanti anni hai?
    63

    Dove vivi?
    in campagna

    Con chi vivi?
    con una donna

  69. Che lavoro fai?
    <<<attivista bioregionaale poetessa mailartista/artepostale agricoltrice studiosa shamana/terapista N.A.T.C. consigliera mentor/maestra/couch

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    <<no paga

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    <<essere sempre disponibile alle intuizioni ed alle creatività

    E quella che ti preoccupa di più?
    <<a salute fisica

    E quella che ti fa più incazzare?
    <<lo spreco di parole inutili-fuori tema-OT

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    <<anziana ma eguale ad oggi nell'intimo

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    <<Imprenditore perchè sono imprenditrice e manager

    Quanti anni ha la tua macchina?
    <<non ho la macchina, ma guido

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    <<la cura-battiato

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    <<appunti riguardo il mio vivere

    Sei donna o uomo?
    <<donna-transgender

    Quanti anni hai?
    <<60

    Dove vivi?
    <<Pairò di Dolceacqua Imperia

    Con chi vivi?
    con pasquale Polimeni

  70. Roberta ha detto:

    Che lavoro fai?
    Lavoro in un cantiere meccanico, svolgo amministrazioni tecnico-logistiche.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Il datore di lavoro.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Oggi è pensare che ho la fortuna di avere un lavoro, un lavoro che mi piace.

    E quella che ti preoccupa di più?
    La eventuale possibilità di perderlo, da un anno ho un contratto precario.

    E quella che ti fa più incazzare?
    La attuale globale crisi economica e produttiva.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Tra 20 anziana, tra 30 non ho ancora pensato alla mia immagine, il piu’ sarà fatto e ogni immagine andrà bene.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con nessuno.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Due.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Meraviglioso. http://www.youtube.com/watch?v=EikicSEKi4M

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Il mio.

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    48

    Dove vivi?
    In Toscana, a Piombino.

    Con chi vivi?
    Con la mia famiglia.

  71. valerio ha detto:

    Che lavoro fai?
    architetto

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    committenti

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    essere libero

    E quella che ti preoccupa di più?
    situazione economica

    E quella che ti fa più incazzare?
    poca cultura in italia relativamente all’architettura in generale, all’architettura contemporanea in particolare (sig)

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    un poco più saggio e consapevole

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    in realtà con nessuno.
    forse l’unico: con un professionista di wind surf, ma è un’altra cosa .

    Quanti anni ha la tua macchina?
    5

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    right here right now – fat boy slim

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    lavoro now!

    Sei donna o uomo?
    uomo

    Quanti anni hai?
    41

    Dove vivi?
    prato

    Con chi vivi?
    mia moglie e due bambini di 5 e 2 anni e 1/2

  72. umberto ha detto:

    Che lavoro fai?
    piccolo editore
    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    distributore, librerie, lettori, committenti
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    faccio quello che so fare meglio e che mi piace di più
    E quella che ti preoccupa di più?
    far tornare i conti
    E quella che ti fa più incazzare?
    l’importanza strategica delle “giuste conoscenze”
    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    a Stoccolma, insieme a un mio autore per ritirare il suo nobel
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    con un insegnante, perché avrei le estati libere di quando ero bambino (lo so che insegnare è un mestiere duro, stressante, mal pagato, ecc.)
    Quanti anni ha la tua macchina?
    quattro
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    “In alto mare”, Loredana Bertè
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Conversazioni all’ora del caffè
    Sei donna o uomo?
    uomo
    Quanti anni hai?
    39
    Dove vivi?
    Firenze
    Con chi vivi?
    con la mia compagna e mio figlio

  73. matteo abbate ha detto:

    Che lavoro fai?
    Ne faccio mille insieme … uno alla volta …. Sono un libero professionista; nasco come “progettista” sui fondi comunitari, poi ho iniziato ad occuparmi molto di risorse umane e formazione. Ad oggi sono “project manager” in un progetto di ricerca di sociologi europei, curo progetti di consulenza organizzativa, progetto e/o mi occupo di qualche intervento di formazione. Ultimamente mi sto occupando della formazione in ambito sanitario. Altri due temi nella formazione su cui ho lavorato molto: turismo verde e pari opportunità.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Qualcuno paga? … 😉
    I miei committenti sono molto eterogenei, dall’Università alla piccola azienda, dalla multinazionale all’associazione di volontariato passando per gli Enti locali. Tutti accomunati dal pagarmi in ritardissimo!

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    L’estrema varietà delle cose che mi capita di fare e doversi ogni giorno confrontare con cose nuove.

    E quella che ti preoccupa di più?
    L’estrema varietà delle cose che mi capita di fare e doversi ogni giorno confrontare con cose nuove.

    E quella che ti fa più incazzare?
    Che non pagano mai – ci mettono secoliiiiiiiiiiiii

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Ad aspettare l’uscita del prossimo disco dei Rolling Stones godendomi la pensione che ancora non sono riuscito a costruirmi.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con il direttore della scuola di circo dei miei bambini! Il circo è divertente, è fatto per gente che ha voglia di vedere il mondo e i bambini sono divertenti.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    Più di 10 ma è bellissima!!!

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    You can’t always get what you want

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Il Lavoro con la elle maiuscola NON c’è più!

    Sei donna o uomo? Uomo
    Quanti anni hai? 46
    Dove vivi? Nel Chianti.
    Con chi vivi? Con la mia compagna e tre bellissimi bambini.

  74. Francesca ha detto:

    Che lavoro fai? Assistente di un disegnatore ipovedente.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Datore di lavoro

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? L’ambiente che circonda il datore di lavoro, la possibilità di arricchirmi a livello culturale e intellettuale (ma non solo) mentre lavoro e, nonostante i vari alti e bassi dovuti ad una collaborazione così stretta, il rapporto umano che si è creato col “boss”.

    E quella che ti preoccupa di più? Che non posso fare l’assistente di questa persona a vita, né ho voglia di fare l’assistente di chiunque a vita.

    E quella che ti fa più incazzare? Non avere ferie retribuite, dovermi adattare tendenzialmente agli orari altrui e ogni volta che chiedo libero (cosa che comunque posso fare senza troppi problemi) sapere che non verrò pagata.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Ehm…

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? “Basta sia a tempo indeterminato” va bene come risposta?

    Quanti anni ha la tua macchina? Ho un motorino. Sennò ogni tanto uso la macchina dei miei che ha 4 anni.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? Massive Attack – Protection (ma non è che mi venga in mente molto)

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? In questo mondo del lavoro che nessuna certezza mi dà

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? 26

    Dove vivi? Scandicci

    Con chi vivi? I miei genitori

  75. Sara ha detto:

    Che lavoro fai?
    Videomaker e Designer della Comunicazione

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    Clienti

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Che ogni giorno è diverso, che è un lavoro creativo e stimolante.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Che non ho certezze economiche.

    E quella che ti fa più incazzare?
    Essere uccisa dalle tasse. E quando i clienti non capiscono tutto il lavoro che serve per arrivare al risultato che desiderano.

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Con più rughe ma ancora in affitto.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Con qualcuno che fa il mio lavoro ma guadagna di più.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    La metà dei miei anni! Ma ancora regge…spero…

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Libero di Fabrizio Moro

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    ce l’ha..

    Sei donna o uomo?
    Donna

    Quanti anni hai?
    28

    Dove vivi?
    Firenze

    Con chi vivi?
    Con una coinquilina, con la mia ragazza e un bellissimo gatto nero!

  76. Riccardo ha detto:

    Che lavoro fai?
    Cooperatore Consulente Millecolori

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?)
    La mia società

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Poter veder realizzate le cose che immagino

    E quella che ti preoccupa di più?
    Dover smettere

    E quella che ti fa più incazzare?
    per colpa di qualcun’altro

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    Con i capelli bianchi

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Agricoltore/Allevatore, per capire meglio da dove vengono e come funzionano le cose importanti

    Quanti anni ha la tua macchina?
    28

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Sunny

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Ho fatto tardi ma sono sempre in tempo, spero..

    Sei donna o uomo?
    Uomo

    Quanti anni hai?
    27

    Dove vivi?
    Firenze

    Con chi vivi?
    Fidanzata e un’altra coppia di amici.

  77. Giulio ha detto:

    Che lavoro fai? Insegnante e gestore di un centro studi privato

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Divisione utili fra me e gli altri soci

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Aiutare i ragazzi a crescere, dialogare e trasmettere conoscenza.

    E quella che ti preoccupa di più? L’incertezza di un lavoro creato dal niente, che un anno c’è e l’anno successivo “speriamo”.

    E quella che ti fa più incazzare? Quando le persone con le quali lavori decidono di non capire che il lavoro di insegnante costa impegno e sforzo costante teso alla crescita e alla maturità dei ragazzi.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Sempre in classe.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Insegnante della scuola pubblica semplicemente per la sicurezza del posto di lavoro, probabilmente per molti altri aspetti è una condizione peggiore.

    Quanti anni ha la tua macchina? 10 e ci piove dentro!

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? Bandiera Bianca (Franco Battiato)

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?

    Sei donna o uomo? uomo

    Quanti anni hai? 29

    Dove vivi? Pistoia

    Con chi vivi? Con la mia ragazza

  78. lboninu ha detto:

    1) Docente di materie letterarie nei licei, ora in aspettativa per frequentare un dottorato di ricerca in sociologia.
    2) Ministero del Tesoro
    3) Studiare e comunicare quello che amo. Altrimenti che si studia a fare?
    4) Riuscire a restare equilibrata e motivata nonostante tutto ( vedi sotto). E infatti, quando stavo per scoppiare, ho fatto la scelta del dottorato, e in un campo tutto sommato abbastanza lontano dalle mie competenze.
    5) Non si contano le cose che mi fanno incazzare nella situazione della scuola. Soprattutto una: il docente è di fatto trasformato in un incrocio fra un intrattenitore, un burocrate e uno psicologo dilettante, per di più sottopagato. E si dimentica la finalità vera del suo lavoro.
    5) Boh.
    6) Qualsiasi lavoro che implichi comunicazione e creatività. Quindi forse mi terrei il lavoro che ho.
    6) 4 anni.
    7) Wrecking ball di Springsteen nel punto in cui ripete “hard times come and hard times go”. Ma anche “My back pages” di Dylan.
    8) il professore perplesso
    9) Donna
    10) 51
    11) Fra Piombino e Pisa
    12) Con i miei figli.

  79. Diana ha detto:

    Che lavoro fai?
    Titolare microimpresa nel settore turistico immobiliare.

    Chi ti paga? (datore di lavoro?
    Mi pago da sola se vengono i turisti.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro?
    Il fatto di svegliarmi la mattina con l’incognita di quello che succedera’ o chi conoscero’ nel corso della giornata. Un giorno non e’ mai uguale all’altro.

    E quella che ti preoccupa di più?
    Che la gente rinunci a viaggiare per colpa della crisi.

    E quella che ti fa più incazzare?
    Quando non ne va bene una!

    Come ti immagini tra 20/30 anni?
    A riposo. In africa. Tutta rotta.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché?
    Nessuno qui in Italia.

    Quanti anni ha la tua macchina?
    14.Regge l’anima coi denti

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Te c’hanno mai mandato a quel paese? (A. Sordi)
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Che ci faccio qui?

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? 45

    Dove vivi? Firenze centro

    Con chi vivi? Marito figlia 2 gatti 1 topo,

  80. Davide Di Ienno ha detto:

    Che lavoro fai? Sociologo ed educatore in una comunità per minori. Beh, “sociologo” sarebbe la velleità…

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Mi paga il mio datore di lavoro, la cooperativa sociale che gestisce la casa famiglia.

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Spesso sento di essere un privilegiato. Sento che lavorare con il disagio, aiutare i ragazzi, le loro famiglie, sia un privilegio e che anche se sbaglio, se mi infurio, o se la notte mi capita di ritrovarmi a fissare il soffitto come i “reduci del vietnam” o come tutti quelli che non trovano le parole per raccontare agli altri ciò che vedono ogni giorno beh, tutto ciò forse è proprio quel che mi rende felice. Oltre al fatto, naturalmente, di avercelo un lavoro…

    E quella che ti preoccupa di più? Mi preoccupa non avere la forza per continuare. Mi preoccupa l’idea che possa stancarmi oltre quel livello di guardia e iniziare a lavorare male. Mi preoccupa che lo stipendio ritardi così tanto da non poter provvedere a mio figlio.

    E quella che ti fa più incazzare? Che il settore in cui lavoro (il sociale) sia quello meno considerato, quello nel quale si operano maggiormente i tagli, quello nel quale le professionalità e le competenze non sono rispettate perchè manca una cultura del “far meglio”, della crescita professionale, della sperimentazione di modelli di intervento più efficaci.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? In mille modi diversi e in niente di definito.

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Non so, a volte vorrei avere la forza per riuscire ad essere un imprenditore, altre vorrei essere un lavoratore dipendente, fare le mie ore e tornare a casa dalla mia famiglia e magari avere la possibilità di coltivare tranquillamente le mie passioni, senza doverle inserire ansiosamente nella “schizofrenia” dei miei turni in comunità.

    Quanti anni ha la tua macchina? La mia macchina ha 12 anni e più di 405.000 km.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?”The tracks of my tears”, la colonna sonora di Platoon. Non me ne viene in mente un’altra

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? “Lavorare per vivere o vivere per lavorare?”

    Sei donna o uomo? Uomo

    Quanti anni hai? 41

    Dove vivi? A Lanciano, in provincia di Chieti

    Con chi vivi? Con mia moglie e mio figlio Alessandro di 3 mesi.

  81. A. ha detto:

    Che lavoro fai? Non mi riesce mai un granché rispondere a questa domanda… mi occupo di web marketing, studio campagne di comunicazione online sui motori di ricerca, ma di solito mi tocca rispondere amministratore di una srl.

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) La società di cui faccio parte

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Normalmente risponderei la libertà di orario, ma dato che ora lavoro anche dopo cena non vale più…. direi che mi piace poter scegliere per chi lavorare, poter dare un’impronta etica in un mondo, quello del marketing, che tanto etico non è…

    E quella che ti preoccupa di più? Avere soldi per pagare gli stipendi di chi lavora con me

    E quella che ti fa più incazzare? Che non ho avuto buone esperienze con un paio dipendenti, che in alcuni casi sono stati veri e propri menefreghisti nonostante abbiamo cercato di tutelarli con contratti a tempo indeterminato e tutte le garanzie del caso. Questo mi fa davvero incazzare… sembra la storia del chi ha denti non ha pane etc. etc. mi fa incazzare la gente quando non si assume le responsabilità e dà la colpa agli altri per tutto…

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Non lo so ma ovunque io sia sogno di aver creato un piccolo o grande mondo attorno me felice e soddisfatto!

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Con nessuno, anche nei momenti di sconforto, anzi proprio in quelli mi rimbocco le maniche e vado avanti con determinazione

    Quanti anni ha la tua macchina? 15! Ce la farò mai a cambiarla?

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? In questo momento “Under pressure”

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Pole il lavoro permettisi di rovinare la vita delle persone?

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? 35

    Dove vivi? A Firenze

    Con chi vivi? Compagno e figlio

  82. Che lavoro fai? Consulente di formazione; progetto e erogo corsi per lo sviluppo del potenziale delle persone

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) I miei Clienti: aziende, enti pubblici, organizzazioni

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Sapere di essere utile ai miei partecipanti, aiutarli a comunicare meglio, a gestire meglio il loro tempo, ad avere più fiducia in se stessi, ad essere creativi…

    E quella che ti preoccupa di più? Vivere in un Paese mal governato.

    E quella che ti fa più incazzare? Dover pagare delle tasse ingiuste, su soldi che non ho guadagnato.

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Ho già festeggiato le nozze d’oro con l’anagrafe… vorrei poter affiancare un “erede” della mia professione e vedere che ciò che ho seminato e coltivato può continuare a vivere e a crescere

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Sono una lavoratrice autonoma consapevole dei numerosi lati positivi della propria condizione (per esempio l’indipendenza intellettuale, l’autonoma gestione del tempo) e al momento non farei cambio con nessuno.

    Quanti anni ha la tua macchina? Meno di uno

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    La gente di cuore di Enrico Ruggeri

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? “MI rendo conto di quanto sono privilegiata”

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? 51

    Dove vivi? A Milano

    Con chi vivi? Con mio marito (ex lavoratore dipendente, oggi libero professionista) e mio figlio di 14 anni, a cui auguro, per il momento, di diventare un lavoratore autonomo

  83. lauradebe ha detto:

    Che lavoro fai? Ne faccio 1.000 dipendente in una società quotata in borsa, imprenditrice di una startup poi considero anche un lavoro le due associazioni che ho co-fondato (una la presiedo nell’altra sono Consigliere).

    Chi ti paga? (datore di lavoro? committenti?) Mi paga la mia azienda con contributi, pensione, ecc. La startup per adesso è solo a rimessa 🙂

    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? Mi fa felice essere independente economicamente, ma soprattutto lavorare in settori innovativi, avere contatti interessanti con persone (clienti, fornitori, colleghi, partner) in gamba.

    E quella che ti preoccupa di più? Annoiarmi. O non poter decidere della mia vita.

    E quella che ti fa più incazzare? L’ignoranza e la superficialità

    Come ti immagini tra 20/30 anni? Non m’immagino… Spero solo che mio figlio possa avere tutte le opportunità che ho avuto io…

    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? Con nessuno.

    Quanti anni ha la tua macchina? Non ho auto.

    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa? You can’t get what you want, till you know what you want – Joe Jackson

    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe? Se mi annoio, cambio.

    Sei donna o uomo? Donna

    Quanti anni hai? 45 (oddio!)

    Dove vivi? A Firenze

    Con chi vivi? Con marito e figlio di 4 anni.

  84. sharingeurope ha detto:

    Che lavoro fai? Mi occupo di comunicazione e informazione su questioni Europee
    Chi ti paga? un’associazione
    Quale è la cosa ti fa più felice se pensi al tuo lavoro? le persone che incontro tutti i giorni
    E quella che ti preoccupa di più? ogni 3-6 mesi scade il contratto e il rinnovo è sempre un terno all’otto.
    E quella che ti fa più incazzare? le condizioni di precariato e le minime possibilità di far carriera
    Come ti immagini tra 20/30 anni? con un bel ricordo di questo lavoro.
    Con chi vorresti fare cambio di lavoro (lavoratore dipendente, autonomo, precario, imprenditore) e perché? con un lavoratore dipendente più stabile solo perchè sono convinta che questo non mi toglierebbe la voglia di fare sempre meglio, ma solo meno incazzature periodiche.
    Quanti anni ha la tua macchina? ne ho una in condivisione con mia sorella, è del 2005.
    Una canzone che descriva il tuo stato d’animo rispetto alla tua condizione lavorativa?
    Kouz-1 feat. Ardag – L’auberge espagnole – Générique 01
    Se questa intervista avesse un titolo, sarebbe?
    Una passione… non retribuita
    Sei donna o uomo?
    donna
    Quanti anni hai?
    31
    Dove vivi?
    Firenze
    Con chi vivi?
    sola

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *