ECONOMIA, LAVORO E IMPRESE

Affrontare “di petto” le trasformazioni del mondo economico e lavorativo

“Abbiamo discusso di start-up per due ore in gruppi facilitati e abbiamo tirato fuori più idee che in mesi di lavoro tradizionale” (Un partecipante al workshop di lancio della piattaforma Open Toscana)

“Se è vero che “l’appetito viene mangiando”, e che dunque è necessario far vedere concretamente le prospettive di sviluppo che creatività e innovazione possono offrire al settore tessile & moda, è altrettanto vero che gli imprenditori non partecipano a convegni e seminari di presentazione. È dunque necessario cercare nuove modalità per far conoscere l’innovazione alle aziende, modalità che permettano alle istituzioni di entrare nelle aziende portando loro proposte concrete” (Dal report del workshop Putting creativity on the map – CREATE Prato di Toscana Promozione)

” Alcune risposte sono di grande interesse: felicità è fare il lavoro per il quale si è studiato o quello che consente di imparare e di essere creativi. Molti, invece, sono felici se fanno un lavoro con un forte impatto sociale. Preoccupa (e questo non stupisce) tutto ciò che determina incertezza per il futuro, ovvero la durata dei contratti (per i precari), il rischio disoccupazione (per i dipendenti di piccole imprese), e il riuscire a trovare clienti in modo costante (per chi lavora da autonomo). Le cose che fanno arrabbiare sono più varie ma la più citata è “la sottovalutazione della qualità del lavoro”. Si tratta di un dato interessante condiviso in modo trasversale tra dipendenti e indipendenti di ogni natura. Sembrerebbe il sintomo di una sensazione diffusa di svalutazione del lavoro che si identifica nelle parole degli intervistati/e sia con riferimento al mancato riconoscimento del “valore economico”, sia il mancato riconoscimento del valore di quel lavoro in sé” (dall’indagine Racconta il tuo lavoro)

La parola “crisi” non può più essere una grande scatola nera. Quello che sta succedendo all’economia del nostro paese e nel mondo del lavoro deve essere oggetto di analisi e confronto per la ricerca di strade innovative da percorrere.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *