Cosa ti fa felice? Cosa ti preoccupa? Cosa ti fa arrabbiare?

Immagine

Eccoci al punto in cui scopriamo cosa fa felici e cosa preoccupa e cosa fa arrabbiare gli intervistati e le intervistate.

Alcune risposte sono di grande interesse: felicità è fare il lavoro per il quale si è studiato, ma quello che consente di imparare e di essere creativi. Molti, invece, sono felici se fanno un lavoro con un forte impatto sociale.

Preoccupa (e questo non stupisce) tutto ciò che determina incertezza per il futuro, ovvero la durata dei contratti (per i precari), il rischio disoccupazione (per i dipendenti di piccole imprese), e il riuscire a trovare clienti in modo costante (per chi lavora da autonomo).

Le cose che fanno arrabbiare sono più varie ma la più citata è “la sottovalutazione della qualità del lavoro”.

Si tratta di un dato interessante condiviso in modo trasversale tra dipendenti e indipendenti di ogni natura. Sembrerebbe il sintomo di una sensazione diffusa di svalutazione del lavoro che si identifica nelle parole degli intervistati/e sia con riferimento al mancato riconoscimento del “valore economico”, sia il mancato riconoscimento del valore di quel lavoro in sé.

Seguono i riferimenti ai “vizi italiani” dall’inefficienza alla  burocrazia e alla scarsa meritocrazia.

Tutti spunti utili per una riflessione più approfondita che ci ripromettiamo di fare a breve.

Intanto buona lettura! Ecco le slides http://www.sociolab.it/wp-content/uploads/2012/12/racconta-il-tuo-lavoro_10-12.pdf.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *