Come fare comunità. Un incontro per il dialogo

Il percorso La comunità al centro prosegue con l’incontro pubblico Come fare comunità: sfide ed opportunità nel dialogo interreligioso e interculturale, che si terrà Mercoledì 5 Aprile alle 21 presso la sala Egisto Sarri in Piazza San Francesco nel Comune di Figline e Incisa Valdarno (FI).

L’incontro vedrà la partecipazione, accanto a Giulia Mugnai,  Sindaca di Figline e Incisa Valdarno, di Izzedin Elzir – Presidente dell’Unione Comunità Islamiche di Italia e Iman di Firenze; Mario Meini – Vescovo di Fiesole e Vice Presidente della Cei per il settore Centro; Piero Coda – Professore Ordinario di Teologia sistematica dell’Istituto Universitario Sophia.

Alla luce delle attività portate avanti dalle numerose realtà del territorio e nel contesto delle politiche comunali per l’integrazione, il percorso La comunità al centro pone il tema del dialogo e della costruzione di comunità all’attenzione della città tramite un percorso di accompagnamento e coinvolgimento sul tema dell’incontro, della conoscenza e della relazione con l’altro.

Con una domanda centrale “Cosa serve per essere comunità?” il percorso La comunità al centro che abbiamo disegnato con e per il Comune di Figline e Incisa Valdarno, vuole attivare una discussione concreta e costruttiva che, a partire dai bisogni e dalle esperienze concreti, cerchi di trovare soluzioni condivise con le risorse esistenti e di creare nuove collaborazioni e sinergie.

Un’opportunità, dunque, per creare una cornice ampia ed unica all’interno della quale decidere insieme, in maniera responsabile e condivisa, gli obiettivi futuri per lo sviluppo della comunità e per rappresentare al meglio le differenti realtà presenti sul territorio.

Il percorso si rivolge a tutte le residenti e a tutti i residenti, a partire dai diretti portatori di interesse fino ad arrivare a chi abitualmente non si interessa dell’argomento perché lo percepisce lontano da sé.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il blog la Comunità al centro

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *