ActionAid contro il land grabbing

ActionAid ha da pochi giorni pubblicato il rapporto internazionale Act on it: 4 key steps to prevent land grabs come supporto alla campagna #LandFor che la ONG promuove per contrastare in tutto il mondo l’accaparramento incontrollato di terreni da parte di investitori pubblici e privati a detrimento delle comunità locali che da questi terreni dipendono per la propria sopravvivenza.

Negli ultimi 15 anni, dieci milioni di ettari di terra sono stati acquistati in paesi in via di sviluppo da grandi investitori. Questa vera e propria “corsa alla terra” di proporzioni globali ha causato espulsioni forzate e la negazione del diritto ad accedere a risorse naturali vitali  per milioni di donne, piccoli produttori, allevatori nomadi, raccoglitori, abitatori delle foreste, pescatori locali e membri di popolazioni indigene. L’accesso alla terra è essenziale per la sopravvivenza delle popolazioni locali e governi nazionali e donatori internazionali hanno l’opportunità e la responsabilità di fare sì che le proprie politiche ed azioni contribuiscano al riconoscimento ed al rispetto dei diritti fondamentali degli individui e delle comunità. Per questo, ActionAid invita i governi ed i donatori ad adottare quattro step centrali per invertire la tendenza e spiega in questo rapporto come possono essere implementati dai governi nazionali, mettendo a loro disposizione una checklist dettagliata di riforme e azioni, inclusi esempi concreti tratti da paesi dove queste sono state messe in pratica.

Il rapporto è frutto di un lavoro condiviso di ricerca e pianificazione strategica che ha coinvolto i diversi esperti internazionali dell’organizzazione e non solo e che ha visto il supporto di Margherita Mugnai di Sociolab come facilitatrice di un workshop internazionale per definire in maniera condivisa le indicazioni strategiche contenute nel rapporto.

Leggete e diffondete il rapporto e le informazioni che contiene e sostenete la campagna #LandFor  e lo sforzo di ActionAid per tutelare i diritti alla terra, al cibo, alla salute e al benessere di intere comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *